Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 15
venerdì 10 aprile 2020, ore
IL SONDAGGIO
SONDAGGIO NM - Coronavirus, come state trascorrendo le ore a casa?
Leggendo le News dei giornali online
Libri
Social Networks
Serie Tv, Netflix, Tv
Videogames
RISULTATI
VOTA
ATTUALITÀ
CORONAVIRUS - L'ospedale di Codogno: "Abbiamo fatto il nostro dovere e abbiamo la coscienza a posto"
26.02.2020 10:51 di Napoli Magazine Fonte: Tgcom24.mediaset.it

"Dal primo istante dell’emergenza non abbiamo lasciato i nostri ammalati nemmeno per un istante. Alcuni di noi, tra medici e infermieri, sono infetti e lottano adesso contro il virus. Non siamo eroi e non pretendiamo gratitudine per il nostro lavoro: ma ascoltare dalle massime cariche dello Stato certe parole, che moralmente uccidono più del virus, fa male e ci umilia". Così replica Giorgio Scanzi, primario di medicina dell'ospedale di Codogno, alle accuse, poi smorzate, di Conte.

 

E anche l'ex premier Matteo Renzi interviene a favore dei medici e del personale dell'ospedale di Codogno. "Vorrei - dice - che tutto il Paese, senza eccezioni e senza polemiche, dicesse in queste ore il proprio grazie ai medici, agli infermieri, al personale sanitario, ai volontari. A cominciare dai medici di Codogno e della Lombardia, da giorni in prima linea contro il coronavirus". 

 

"Il paziente uno - ricostruisce un aiuto del pronto soccorso - si è sentito poco bene venerdì 14 febbraio. Da Codogno è andato a farsi visitare a Castiglione d’Adda. Il suo medico, risultato poi positivo e ora ricoverato, gli ha prescritto farmaci contro una sindrome influenzale. Domenica 16 gli è salita la febbre e si è presentato in ospedale qui a Codogno. Non ha indicato collegamenti, nemmeno indiretti, con la Cina. La moglie, incinta, era asintomatica e stava bene. Lui era in codice verde. abbiamo aggiustato la terapia e l’abbiamo dimesso. Si è ripresentato mercoledì 19, la febbre non scendeva e precauzionalmente è stato ricoverato in osservazione in medicina. Solo giovedì 20 quando sono esplosi i problemi respiratori, la moglie si è ricordata degli incontri con un amico italiano, negativo ai test, rientrato dalla Cina il 21 gennaio. Il protocollo coronavirus, tampone più isolamento, è scattato immediatamente". Ma ormai era troppo tardi. 

Loading...
ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>