Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 50
mercoledì 11 dicembre 2019, ore
ATTUALITÀ
SAVE THE CHILDREN - Giornata Mondiale dell’Alimentazione, 6,5 milioni di bambini colpiti dalla fame dopo la più grande siccità estiva degli ultimi 35 anni nel Corno d’Africa ?
16.10.2019 18:22 di Napoli Magazine

Quasi 13 milioni di persone, tra cui 6,5 milioni di bambini, sono colpite dalla fame nel Corno d’Africa, a seguito del più basso livello di precipitazioni piovose nella regione dal 1981[1]. Questo l’allarme lanciato nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro. 

 

Nonostante gli sforzi fatti dalle agenzie umanitarie e dai governi di Etiopia, Somalia e Kenya, la situazione di insicurezza alimentare nel Corno d’Africa si sta aggravando, con la possibilità che le famiglie debbano affrontare una crisi ancora peggiore rispetto a quella del 2017. Nonostante il numero di persone colpite nella regione sia attualmente inferiore a quello raggiunto nel picco della siccità 2016-17, la situazione sembra peggiorare per la siccità prevista nei prossimi mesi[2]. In Somalia l’insicurezza alimentare sta colpendo il 36% in più di persone rispetto alla fine del 2018[3].

 

Gli operatori di Save the Children impegnati sul campo segnalano che alcune comunità non riescono più a rigenerare i pascoli, reintegrare le scorte d’acqua e ricostituire gli allevamenti, con un numero sempre maggiore di persone costrette a sfollare per cercare nuove fonti di sostentamento.

 

Secondo le stime, la siccità in Somalia ha costretto a sfollare 59.000 persone solo tra gennaio e maggio 2019[4], un numero che a giugno, nell’intero Corno d’Africa, ha raggiunto la cifra di 1,8 milioni di persone[5]. Se oltre alla siccità si considerano come cause anche i conflitti e le alluvioni, il numero di persone costrette ad abbandonare le loro case nella regione salgono a 11,6 milioni[6].

 

I bambini soffrono maggiormente le conseguenze di questa situazione, con il rischio che si registri un’impennata della malnutrizione causata dall’insicurezza alimentare. I bambini gravemente malnutriti hanno una probabilità di morire 11 volte superiore rispetto a quelli con un peso regolare, sono più esposti alle infezioni e fanno più fatica a guarire perché il loro sistema immunitario è più debole[7].

 

Secondo le stime, in Kenya, 600.000 bambini hanno già bisogno del trattamento specifico per la malnutrizione[8]. 2.6 milioni di persone vivono in condizioni di insicurezza alimentare acuta e necessitano di assistenza umanitaria, mentre altri 6,8 milioni sono a un passo dal raggiungere livelli critici nella carenza di cibo. In Somalia, 178.400 bambini soffrono di malnutrizione grave[9] e più di 1 milione di bambini sotto i 5 anni sono a rischio di malnutrizione acuta, una situazione che, a causa della crisi alimentare in atto, è purtroppo diffusa in molte parti del paese. 2,1 milioni di persone dipendono dagli aiuti umanitari per soddisfare le loro esigenze alimentari di base, mentre altri 4,2 milioni sono sull’orlo della carenza di cibo. In Etiopia, 8,1 milioni di persone hanno necessità di assistenza alimentare e si teme sempre di più che questo numero possa crescere con l’assestamento dopo le piogge nel prossimo dicembre[10]. Save the Children, in collaborazione con il Governo Etiope, conduce un lavoro continuo di analisi dell’economia famigliare, per valutare costantemente il fabbisogno dei nuclei stessi.  

 

“I nostri ripetuti appelli alla comunità internazionale negli ultimi 2 anni per un aumento dei fondi per gli aiuti sono caduti nel vuoto, con il risultato che ora la fame colpisce moltissimi bambini. I programmi di Save the Children nel Corno d’Africa necessitano di ulteriori 100 milioni di dollari, per sostenere il fabbisogno nutrizionale giornaliero  delle persone, fornire assistenza sanitaria salvavita e rinforzare i sistemi in essere perché si possano adattare agli effetti dei fenomeni  climatici,” ha dichiarato Filippo Ungaro, portavoce di Save the Children, sottolineando il dovere della comunità internazionale di attivarsi per evitare sfollamenti di massa ed enormi perdite di vite umane.        

   

“I fondi mancanti e l’assenza di una forte risposta della comunità internazionale hanno purtroppo creato i presupposti per questa emergenza in tutta la regione. Nonostante i governi nazionali stiano facendo il massimo sforzo per rispondere alle necessità, temiamo che la situazione non possa che peggiorare nei prossimi mesi per effetto di El Nino, che produrrà probabilmente un'altra impennata del numero di bambini malnutriti.”    

 

“L’impatto del cambiamento climatico sulla vita della popolazione etiope, kenyota e somala è ogni anno più forte. Non possiamo aspettarci che i bambini e le famiglie di una regione così colpita dalla povertà possano sostenere l’impatto delle crisi climatiche. Questo è un problema globale, e abbiamo una responsabilità a livello mondiale nel supportare chi è più vulnerabile.”    

 

Nel Corno d’Africa, Save the Children sta realizzando programmi per rafforzare la resilienza delle comunità e far fronte così agli impatti di lungo periodo del cambiamento climatico.  In Somalia l’Organizzazione supporta la creazione e la formazione di comitati locali per la gestione dei disastri, perché possano sviluppare propri piani e strategie di risposta basate sul contesto e i bisogni della comunità. 

 

In Etiopia, Save the Children supporta i giovani disoccupati a causa della crisi della pastorizia, fornendo una formazione adatta ai loro interessi e capacità, perché possano avere in futuro una forma di reddito sostenibile. In Kenya, l’Organizzazione supporta programmi di credito per le donne e gruppi di risparmio, perché le famiglie possano avviare piccole attività, realizzare colture e orti familiari, e allevamenti adatti alle condizioni di siccità.

Loading...
ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>