Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 49
giovedì 2 dicembre 2021, ore
CALCIO
FIFA - Infantino: "Mondiale ogni due anni? Il calcio dovrebbe essere veramente globale"
15.10.2021 23:09 di Napoli Magazine

Il presidente della Fifa, Gianni Infantino, che ha iniziato da Caracas una tournée sudamericana, ha rilanciato il progetto dei Mondiali biennali, affermando che "il calcio dovrebbe essere veramente globale". "Il dovere della Fifa è di garantire che il calcio sia veramente globale. Perché sia così, dobbiamo analizzare come migliorare il calcio delle squadre Nazionali" e "non c'è competizione che si avvicini alla Coppa del mondo", ha detto in una conferenza stampa allo stadio Olimpico di Caracas. "Il presidente della Fifa è il presidente di 111 Paesi e ciascuno di loro ha il diritto di sognare. Ma il sogno deve avere una possibilità di avverarsi perché, se devi sognare per l'eternità, finirai per fare qualcos'altro", ha detto. "Vogliamo parlare delle reali possibilità per il Venezuela di partecipare ai Mondiali?", ha detto Infantino, ricordando che il Paese di 30 milioni di abitanti non ha mai partecipato alla fase finale di un Mondiale ed è molto improbabile che lo faccia con l'attuale formula. L'organizzazione più regolare di una Coppa del Mondo, associata all'aumento dal 2026 del numero di partecipanti da 32 a 48, darebbe così, secondo il presidente della Fifa, più opportunità a nazioni calcistiche minori. "La possibilità di riformare il calendario con un Mondiale ogni due anni l'abbiamo analizzato da un punto di vista calcistico ed è possibile. Ci sono molti vantaggi, perché diamo più possibilità a più Paesi di partecipare", dice Infantino. "Il prestigio di una competizione non dipende dalla sua frequenza. Altrimenti organizzeremmo un Mondiale ogni 40 anni. Il prestigio dipende dalla qualità", ha risposto. Il presidente della Fifa ha anche stimato che questa riforma potrebbe consentire ai giocatori di avvicinarsi alla Coppa del mondo su un piano di parità, riducendo gli spostamenti tra i continenti per i giocatori sudamericani con l'istituzione di fasi di qualificazione raggruppate.

ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>