Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 29
giovedì 16 luglio 2020, ore
CALCIO
ITALIA - Bertolini: "Servono aiuti dalla FIGC per continuare, Europei? Un obiettivo, le mie ragazze sono eccezionali"
25.05.2020 11:51 di Napoli Magazine

Italia Bertolini Europei Serie A Femminile | Dal 2017 riveste il ruolo di CT della Nazionale Italiana Femminile, portando risultati che mancavano da decenni in campo internazionale. Milena Bertolini, ex calciatrice di alto rilievo, ed oggi CT dell’Italia, ai microfoni di calciomercato24.com ha parlato dei passi in avanti che ha fatto e dovrà fare il calcio femminile in Italia, dei prossimi Europei e del futuro della Nazionale Italiana, che corre verso Euro2022.

 

Giovedì dovrebbe esserci la decisione ufficiale circa la ripresa del calcio. La ripartenza della Serie A Femminile sarebbe una speranza per il percorso verso il professionismo? “Partiamo dal presupposto che l’aspetto della salute di atlete e dello staff è al primo posto. Ci devono essere le condizioni per cui nessuno sia in pericolo nella ripresa, sia nel maschile che nel femminile. Per quanto riguarda la Serie A Femminile, penso sia fondamentale poter completare la stagione per tutto il lavoro svolto nei mesi precedenti in termini di impegno, di risorse economiche, di investimenti e personali. Poi sarebbe importante anche per continuare il percorso di crescita. L’interruzione, insieme ad altri aspetti, potrebbe rallentare questo cammino. E anzi, io credo che si debba continuare e rilanciare ancora di più“.

 

Cosa si aspetta dalla FIGC? “Servono aiuti economici importanti. Il nostro campionato è formato da società che hanno una base professionistica ma ci sono anche società che non sono appoggiate dal maschile. Per completare il campionato in estrema sicurezza, occorre che la Federazione le aiuti e le sostenga per far fronte a delle spese non previste e che non sarebbero in grado di sostenere da sé“.

 

Avete dimostrato grandi qualità anche all’Algarve CUP che, poi, si è interrotta prima della finale. Al di là dell’aspetto umano e sanitario dell’emergenza, la finale non giocata vi darà quel mordente in più per le prossime competizioni? “Queste ragazze hanno sempre una grande determinazione. In Nazionale sono sempre molto determinate e motivate e vogliono cercare di migliorare sempre. Chiaro che c’è rimasta un po’ di amarezza perché c’era tanta voglia di giocare la finale però poi ci sono anche priorità più importanti. Avremmo voluto giocarla per tanti motivi, dalla nostra crescita alla possibilità di vincere un titolo importante. Però quella mancata finale non ci darà motivazioni in più perché sono sempre molto determinate e concentrate. Ho ricevuto buonissime risposte anche dalle giovani perché sono state messe in condizione anche dalle compagne del gruppo storico. E’ un gruppo importante ed è stato interessante per loro anche per crescere tutte insieme“.

 

L’Italia corre veloce verso la qualificazione ai prossimi Europei che si giocheranno in Inghilterra. L’emergenza Coronavirus ha causato lo slittamento di un anno di tutte le competizioni internazionali e l’Europeo di calcio femminile è stato rinviato al 2022. Il percorso dell’Italia alle Qualificazioni è stato netto finora (6 vittorie su 6 e primo posto a 18 punti) ma mancano ancora 4 partite per poter festeggiare la partecipazione. Intanto lo scorso marzo l’Italia ha fatto registrare un itinerario eccezionale all’Algarve CUP 2020: avrebbe dovuto disputare la finale contro la Germania ma la pandemia ha bloccato tutto. Milena Bertolini, CT della Nazionale, ci ha parlato dei piani futuri della sua selezione.

 

Europei: percorso netto nelle qualificazioni con la Danimarca alle calcagna. Quali sono gli ingredienti per la qualificazione? “Loro sono davanti di esperienza e sono le favorite. Saranno partite complicate fino alla fine perché loro sono vice campioni in carica. Quando ripartiremo sarà tutto un po’ diverso. Dipende da tanti fattori: l’ultima volta ci siamo viste a marzo e dovremmo riconnetterci tutte. Il nostro obiettivo è vincere tutte le partite perché vogliamo arrivare all’Europeo“.


Il rinvio al 2022 è un fattore positivo per l’esperienza che accumuleranno le ragazze o un fattore di rischio dal punto di vista anagrafico? “E’ chiaro che abbiamo delle giocatrici che sono “avanti” d’età e avranno ancora due anni in più. Se ci qualificheremo, avremo possibilità di fare amichevoli ed accumulare esperienza anche per le più giovani. Ci sono aspetti postivi e degli altri negativi ma io vedo solo quelli positivi. Le giocatrici di riferimento sono molto professionali e faranno di tutto per qualificarsi ad una manifestazione così importante. Tutti noi teniamo ad arrivarci“.


In ogni foto, in ogni video e nelle riprese TV la vediamo spesso abbracciare le ragazze e ridere con loro: che rapporto avete? Le sta sentendo in questo periodo? “Sì, ci siamo sentite, ci siamo collegate tutte insieme. Ho grande stima e tanta fiducia nei loro confronti. Le conosco da tanto e questo è molto importante. A me piace creare un calcio di relazione, è molto importante. Cerco di creare sempre un clima positivo tra me, loro e lo staff perché solo così si riescono a raggiungere grandi risultati“.

Loading...
ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>