Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIX n° 48
domenica 27 novembre 2022, ore
CALCIO
L'EX - Fabio Cannavaro: "Il Napoli è dietro alle altre al momento, ma il mercato è ancora lungo, Kvaratskhelia grande acquisto, Di Lorenzo è il capitano perfetto"
08.08.2022 09:23 di Napoli Magazine

Fabio Cannavaro, ex difensore, tra le altre, di Napoli e Real Madrid ed ex Pallone d'Oro, ha rilasciato un'intervista a Il Mattino in cui ha detto la sua sul Napoli e non solo:

 

Cannavaro, un coreano nella difesa del Napoli, se lo sarebbe mai immaginato?

 

"Non mi sorprende affatto. La scuola coreana è in crescita gigantesca e Kim giocava in Cina quando allenavo io lì: lo conosco bene, gli ho parlato spesso perché con me c'era un suo connazionale Ji-soo Park".

 

Infatti ha detto che lei è uno dei suoi idoli.

 

"È rapido, alto, punta molto sulla sua fisicità. In certi versi, qualcosa di me ce l'ha pure. Come tutti i coreani è strutturato e disciplinato, perché lì sanno come educare le giovani promesse".

 

E pensare che vent'anni fa la Corea del Sud ci eliminò dal Mondiale.

 

"Beh, come no? L'arbitraggio di Moreno è indimenticabile anche se andammo a casa per i gol che sbagliammo non certo per i suoi errori... Allora era impensabile poter credere che la nostra scuola di difensori sarebbe quasi sparita di scena. La colpa? Abbiamo iniziato a copiare gli altri, a pensare che quello che fanno altrove è meglio di quello che abbiamo sempre fatto in Italia".

 

Da capitano, dia un suggerimento a Di Lorenzo.

 

"Io ho sempre creduto che conti l'esempio in campo. È lì che devi essere serio, carismatico, consapevole sempre di quello che fai. Quello che conta è il rispetto: che devi pretendere da tutti e che per avere devi dare a tutti. Ed è per questo che Di Lorenzo è il capitano perfetto".

 

Perchè le prime sette della scorsa stagione non hanno cambiato allenatore?

 

"No, ha pesato la crisi economica. Ora le società prima di mandare via un tecnico ci pensano 5-10 volte, nessuno vuole due allenatori in busta paga. E poi quest'anno hanno la finestra di novembre per poterlo fare, nel caso...".

 

Tra 7 giorni prende il via il campionato, da chi partiamo?

 

"Il Milan. Ha lo scudetto sul petto che dà entusiasmo e una euforia che può farlo volare. Poi l'Inter è forte, c'è Lukaku. Anche se i cavalli di ritorno sono sempre una grande incognita. E io ne so qualcosa".

 

Ecco, il Napoli, Le è mai capitato di non sapere chi era il portiere a sette giorni dal via?

 

"No, e non è facile. Trovare portieri all'altezza è difficile. Vanno fatte prima delle scelte, è evidente che la società si è trovata spiazzata".

 

Che pensiero si è fatto di questa rifondazione in corso?

 

"Respiro l'insofferenza dei tifosi, non voglio neppure immaginare cosa succederà se il Napoli non dovesse partire con il piede giusto. Mancano un po' di gol... Lorenzo ne garantiva e Mertens pure dava un contributo che adesso non vedo. Kvara è un acquisto mirato. Devono avere forza e coraggio per far dimenticare il passato. Il Maradona ha bisogno di calciatori che sappiano accendere, infiammare i cuori. Come Osimhen".

 

Spalletti ha un solo anno di contratto, un handicap per chi è all'anno zero?

 

"Può esserlo un handicap, ma magari è uno stimolo perché deve far bene per dimostrare che è giusto che continui nel progetto".

 

Come vede il Napoli?

 

"Ora? Dietro alle altre, chiaramente. Il mercato è ancora lungo, però".

 

Ha preferito il saluto quasi in punta di piedi di Insigne o il video pieno di malinconia di Mertens?

 

"Lorenzo è andato via da bandiera vera, un esempio di come si lascia una squadra dopo tanti anni spettacolari. Per mia indole, preferisco l'addio di Lorenzo".

 

40 milioni per Raspadori, non è troppo?

 

"No, è il mercato. È il prezzo giusto".

ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>