Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 34
lunedì 19 agosto 2019, ore
IL SONDAGGIO
MERCATO - Napoli, serve il bomber o va bene Milik prima punta?
Serve il bomber
Va bene Milik prima punta
RISULTATI
VOTA
IN EVIDENZA
DAZN - Inglese: "Il Napoli? Ha campioni che fanno girare la testa! Mi hanno fatto sentire uno di loro, aspetterò la mia occasione e magari tornerò lì, Milik è molto forte"
23.01.2019 18:15 di Napoli Magazine

Roberto Inglese, attaccante del Parma in prestito dal Napoli, ha rilasciato un'intervista a DAZN: "Credo che ognuno di noi stia dove merita. Io sono partito dal basso e ho fatto tutti gli step. Ho dovuto dimostrare in tutte le categorie e sono felice di questo, perché ho capito passo dopo passo quello che mi sono conquistato. Quando hai fatto la gavetta dai sempre qualcosa in più in campo e nella vita. Ho portato qualcosa alla squadra non per qualità, ma perché conosco la categoria avendo fatto già tre campionati di Serie A e so come si affrontano alcune partite salvezza. Io prima dei gol metto sempre la prestazione, che poi alla fine è quella che ti porta a fare i maggiori risultati. I gol che ho segnato li ho fatti in tutte le maniere, destro, sinistro, di testa. Penso che sia un’arma in più. Ho guardato soprattutto come ci si muove in area di rigore. Sono un giocatore che fuori area mi sentivo già pronto, perché so proteggere la palla, faccio salire la squadra. Quello che mi mancavano erano i gol, è stato un percorso di crescita, non ancora finito perché si può sempre migliorare, ma credo di aver lavorato e imparato tanto. Sono felice di quello che sono diventato. Quando ho iniziato a giocare, ho cominciato quasi per caso: mi ero appena trasferito a Vasto e un mio compagno di classe mi invitò ad un allenamento. Alla fine il mister della squadra mi chiese se volessi cominciare, alla fine dell’allenamento mi diede il cartellino da far firmare ai miei genitori. Il Napoli? Mi sono confrontato con dei campioni che mi facevano girare la testa. Ritmi diversi e velocità diversa. Poi col passare del tempo mi hanno fatto sentire uno di loro. La scelta di andare via è stata presa in comune, perché non sono un ragazzino, ho voglia di giocare e di dimostrare. Poi se sono rose fioriranno, aspetterò la mia occasione e magari tornerò lì. La Nazionale? Quando il c.t. viene a vederti deve essere uno stimolo in più e non motivo di ansia o tensione. Ci tengo tanto perchè indossare quella maglia é uno degli ultimi obiettivi che mi voglio porre. Passione per le maglie? Sì, sono un collezionista, il primo anno le scambiavo con tutti gli attaccanti. Ho avuto la fortuna di scambiarle con due capocannonieri: Higuain e Dzeko, queste due maglie sono le mie preferite. Io guardo tutti gli attaccanti della nostra serie A. Mi piace molto immobile perché attacca la profondità, ma se guardiamo l’area di rigore un modello di riferimento è Icardi. Io Milik l’avevo sempre visto giocare solo in televisione, allenandomici insieme ho capito quanto era forte. Oggi magari Inglese non è ai suoi livelli, ma con il lavoro chissà che non lo possa diventare".

 

CLICCA QUI PER ABBONARTI GRATIS A DAZN >>>

 

 

Loading...
ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>