Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIX n° 50
giovedì 8 dicembre 2022, ore
IN EVIDENZA
IL DOPPIO EX - Ferrante: "Napoli favorito col Torino, ma non sarà una gara semplice"
29.09.2022 14:06 di Napoli Magazine

Intervistato dai microfoni di SerieANews.com, queste le parole di Marco Ferrante, ex attaccante tra gli altri di Napoli e Torino:

 

NAPOLI-TORINO: “Se parlassi da incompetente direi che il Napoli ne fa un sol boccone. Però, conoscendo anche la forza del Torino non sarà semplice da affrontare. È una squadra interessantissima, che, tranne per l’ultima partita che ha fatto male, a Milano con l’Inter ha fatto molto bene. L’inizio di campionato è stato buono perciò è una squadra che ha l’impronta di un allenatore vero. Perciò per il Napoli non sarà vita facile. Anche se comunque sulla carta è favorito”.

 

GLI IMPEGNI DELLE NAZIONALI:  “Quando hai un trend positivo la sosta può essere un vantaggio come uno svantaggio. Lo svantaggio è che comunque sei in salute, potresti tenere quel trend lì e vincerne altre perché ormai sei sulla scia. Non c’è una verità assoluta per il fatto di aver interrotto questo. Sicuramente alcuni giocatori hanno rifiatato tranne i nazionali. E sotto questo punto di vista – ha spiegato – ne ha tratto vantaggio solo il Torino, avendo meno nazionali del Napoli. Ma lascia un po’ il tempo che trova perché la Nations non è una competizione come Europei o Mondiali. Tranne per qualcuno che possa incappare in qualche infortunio ma non è un problema per entrambi”.

 

ANCORA SU NAPOLI-TORINO: "Se parliamo ancora di trend, io penso che Raspadori sia in salute. Ma il Napoli, a differenza del Torino, ha un attacco invidiabile. Il Torino ha difesa e centrocampo importanti. Manca il terminale offensivo che in Serie A fa la differenza per il raggiungimento degli obiettivi. Perciò penso Raspadori da un lato. E dall’altro lo sfruttamento di qualche palla inattiva, senza indicare un singolo, potrebbe fare la differenza”.

 

L'ASSENZA DI OSIMHEN:  “Se fosse stato lo scorso anno, la sua assenza avrebbe pesato un’enormità perché Osimhen è uno che fa reparto da solo. Un giocatore atipico, perché è fisicamente devastante. Più prima punta di Leao. Sono i classici giocatori che ti fanno vincere la partita con una giocata. Però il Napoli quest’anno ha fatto due ottimi acquisti. Simeone, che a tanti può non piacere, ha una duttilità allucinante. Si crea e concretizza e fa dei gol pesanti, come nelle ultime prestazioni”.

 

SU RASPADORI: "E' un giocatore che a fari spenti, senza dare punti di riferimento fa male. Perciò il Napoli, a differenza di quelle che lottano per il vertice del campionato, ha rimpiazzato meglio chi se ne è andato. Chapeau alla società, chapeau al mercato. Hanno fatto cose egregie”.

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>