In Evidenza
MEDIASET - Napoli-Inter, grande spettacolo al Diego Armando Maradona: se vincono gli azzurri può cominciare un nuovo campionato
03.12.2023 10:47 di Notizie NM Magazine

Basterebbe la sfida a distanza tra Lautaro Martinez e Victor Osimhen, senza dubbio i migliori attaccanti del nostro campionato, per rendere imperdibile la sfida del Maradona, ma questa sera, a Napoli, c'è in ballo molto di più di un duello a distanza tra bomber. C'è un primo posto da riconquistare dando un segnale importante alle rivali scudetto per l'Inter. E c'è la grande possibilità, per Mazzarri, di dare una sterzata decisiva alla stagione dei campioni d'Italia che rischierebbero al contrario, in caso di sconfitta, di venir risucchiati nella bagarre per il quarto posto Champions. Napoli-Inter è anche un viaggio tra passato e futuro, tra chi ha lo scudetto sulla maglia e chi, invece, sulle strisce nero e azzurre vuole cucire la stella numero due della sua storia. Un passaggio di consegne o un messaggio a tutta la compagnia. Una via stretta lungo un cammino che da domani potrebbe essere più in salita o decisamente in discesa. 

 

Capire chi stia meglio tra Napoli e Inter non è così banale come sembrerebbe: i nerazzurri hanno dimostrato fin qui di non avere quasi rivali in campionato e stanno viaggiando a vele spiegate anche in Champions. Sono una squadra matura, consapevole, forte, che sa reagire alle difficoltà - vedi la rimonta da 0-3 a 3-3 contro il Benfica - anche nelle giornate che sembrano meno buone. Il Napoli, dal canto suo, sembra aver trovato nuova linfa grazie al cambio in panchina e, dopo la vittoria di Bergamo contro l'Atalanta e la buona prova di Madrid in Champions, vuole prendersi il primo scalpo importante della sua stagione e riaprire un campionato che, per i campioni d'Italia in carica, sembrava essere già chiuso.

 

Contro la "solita" Inter, che Inzaghi schiererà affidandosi ai suoi titolarissimi, Mazzarri ritrova finalmente dal primo minuto Victor Osimhen, ma è in difesa che potrebbe cambiare qualcosa. La doppia assenza di Mario Rui e Oliveira sull'out sinistro sembra aver convinto il tecnico toscano a dirottare nel ruolo Natan inserendo Ostigard al centro al fianco di Rrahmani. Il discorso è semplicissimo: sa che da quella parte l'Inter spinge molto con i vari Dumfries, Barella e Thuram e vuole coprirsi anche per lasciare a Kvara quasi esclusivamente compiti offensivi. D'altro canto Inzaghi non cambierà di una virgola la sua Inter, cercando la superiorità numerica in mezzo al campo e accettando gli uno contro uno in difesa. 

 

La certezza è che dal Maradona potrebbe cominciare un nuovo campionato. Se il Napoli sarà in grado di ritrovarsi e vincere, la stagione sua, ma anche quella di Juve e Milan, potrebbe prendere una piega del tutto diversa. Se invece l'Inter tornerà dalla Campania con altri tre punti in saccoccia dopo essere uscita indenne dalla trasferta di Torino contro la Juve, il messaggio alle rivali sarà inequivocabile: lo scudetto è pronto a riprendere la strada per Milano. 

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
MEDIASET - Napoli-Inter, grande spettacolo al Diego Armando Maradona: se vincono gli azzurri può cominciare un nuovo campionato

di Napoli Magazine

03/12/2024 - 10:47

Basterebbe la sfida a distanza tra Lautaro Martinez e Victor Osimhen, senza dubbio i migliori attaccanti del nostro campionato, per rendere imperdibile la sfida del Maradona, ma questa sera, a Napoli, c'è in ballo molto di più di un duello a distanza tra bomber. C'è un primo posto da riconquistare dando un segnale importante alle rivali scudetto per l'Inter. E c'è la grande possibilità, per Mazzarri, di dare una sterzata decisiva alla stagione dei campioni d'Italia che rischierebbero al contrario, in caso di sconfitta, di venir risucchiati nella bagarre per il quarto posto Champions. Napoli-Inter è anche un viaggio tra passato e futuro, tra chi ha lo scudetto sulla maglia e chi, invece, sulle strisce nero e azzurre vuole cucire la stella numero due della sua storia. Un passaggio di consegne o un messaggio a tutta la compagnia. Una via stretta lungo un cammino che da domani potrebbe essere più in salita o decisamente in discesa. 

 

Capire chi stia meglio tra Napoli e Inter non è così banale come sembrerebbe: i nerazzurri hanno dimostrato fin qui di non avere quasi rivali in campionato e stanno viaggiando a vele spiegate anche in Champions. Sono una squadra matura, consapevole, forte, che sa reagire alle difficoltà - vedi la rimonta da 0-3 a 3-3 contro il Benfica - anche nelle giornate che sembrano meno buone. Il Napoli, dal canto suo, sembra aver trovato nuova linfa grazie al cambio in panchina e, dopo la vittoria di Bergamo contro l'Atalanta e la buona prova di Madrid in Champions, vuole prendersi il primo scalpo importante della sua stagione e riaprire un campionato che, per i campioni d'Italia in carica, sembrava essere già chiuso.

 

Contro la "solita" Inter, che Inzaghi schiererà affidandosi ai suoi titolarissimi, Mazzarri ritrova finalmente dal primo minuto Victor Osimhen, ma è in difesa che potrebbe cambiare qualcosa. La doppia assenza di Mario Rui e Oliveira sull'out sinistro sembra aver convinto il tecnico toscano a dirottare nel ruolo Natan inserendo Ostigard al centro al fianco di Rrahmani. Il discorso è semplicissimo: sa che da quella parte l'Inter spinge molto con i vari Dumfries, Barella e Thuram e vuole coprirsi anche per lasciare a Kvara quasi esclusivamente compiti offensivi. D'altro canto Inzaghi non cambierà di una virgola la sua Inter, cercando la superiorità numerica in mezzo al campo e accettando gli uno contro uno in difesa. 

 

La certezza è che dal Maradona potrebbe cominciare un nuovo campionato. Se il Napoli sarà in grado di ritrovarsi e vincere, la stagione sua, ma anche quella di Juve e Milan, potrebbe prendere una piega del tutto diversa. Se invece l'Inter tornerà dalla Campania con altri tre punti in saccoccia dopo essere uscita indenne dalla trasferta di Torino contro la Juve, il messaggio alle rivali sarà inequivocabile: lo scudetto è pronto a riprendere la strada per Milano.