Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 38
martedì 17 settembre 2019, ore
IN PRIMO PIANO
ADL - De Laurentiis: "Ho tifato per Sarri, quando lo portai a Napoli fui criticato, come accadde quando diedi Quagliarella alla Juventus e presi Cavani, quando dico che il San Paolo è un 'cesso' non voglio offendere la città, sto studiando con Auricchio per la nuova convenzione e per migliorarlo ancora, ad esempio andrebbe smontata la copertura"
30.05.2019 20:25 di Napoli Magazine

"Certo che tifavo per il Chelsea ieri, tifavo per un italiano prima di tutto, anzi due visto che oltre a Sarri c'era anche Jorginho". Lo ha detto il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, intervenendo telefonicamente a un evento sulle Universiadi al Circolo Canottieri Napoli. "Ho fatto subito i complimenti a Sarri - ha detto De Laurentiis - anche perché portarlo sulla panchina del Napoli era stata una mia scelta, che all'epoca venne osteggiata da tutti. I signori della curva mi scrissero su tutti i muri della città che avevo sbagliato. Ma sono abituato, Ricordo che quando diedi Quagliarella alla Juve sostituendolo con Cavani venni criticato e oggi tutti vorrebbero che Cavani tornasse".

 

«Il San Paolo soffre di un radicale e sbagliato imbruttimento avvenuto nel '90 quando miliardi di lire vennero male spesi, peggiorando uno stadio che era bellissimo e aveva anche 100.000 spettatori. Questo stadio oggi è morente - ha detto ancora De Laurentiis, come riportato da Il Mattino - grazie alla Regione sono stati investiti ora 25 milioni di euro e i lavori si stanno facendo in piena collaborazione con Comune e con noi. Certo, io fossi stato nel Comune di Napoli avrei previsto la pista di atletica altrove». De Laurentiis ha anche chiarito che «quando dico che il San Paolo è un 'cesso' non voglio offendere la città ma dire che la città ha subito il peggioramento dello stadio per colpa di qualcuno che negli anni '90 si è forse pure messo in tasca soldi. Ma purtroppo a Napoli si vive alla giornata, è una realtà che conosco bene perché vengo da una famiglia napoletana che fortunatamente si è affrancata andando via dall'Italia». Il patron azzurro ha poi promesso altre migliorie allo stadio: «Sto studiando con il capo di gabinetto del Comune Auricchio, che è una valida persona dell'amministrazione, per firmare la nuova convenzione e poi vedere come migliorarlo ulteriormente. Penso ad esempio che andrebbe smontata la copertura, magari con l'aiuto dei cinesi e crearne una nuova. In generale lo stadio va vivisezionato, va studiato come portarci le persone perbene, le famiglie, i bambini. Ma è un problema di tutta Italia per questo Salvini, che ha preso una percentuale cospicua di voti, dovrebbe rimettere mano alla legge sugli stadi, sburocratizzandola».

Loading...
ULTIMISSIME IN PRIMO PIANO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>