Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 34
venerdì 23 agosto 2019, ore
IL SONDAGGIO
RISULTATI
VOTA
IN PRIMO PIANO
L'EDITORIALE - Antonio Petrazzuolo: "Dopo l'inspiegabile black out, che non diventi "preferivo" la Coppa"
30.01.2019 23:35 di Napoli Magazine

NAPOLI - Siamo a febbraio, maggio è distante. Diteci se dobbiamo iniziare ad interessarci ad altri hobbies o se c'è ancora qualcosa in cui sperare. In campionato l'obiettivo è mantenere il secondo posto, con la piccola consolazione di tenere distante il terzo posto, la Juventus viaggia e, a meno di un crollo psico-fisico difficilmente ipotizzabile in questo momento, non regalera' troppe disattenzioni. La Coppa Italia era un obiettivo alla portata ed è andata. Perchè? Chi lo sa... Inspiegabile l'atteggiamento in campo, secondo Ancelotti e' una fase in cui manca brillantezza. Ripeto la domanda: come mai? Difficile spiegarsi un'uscita del genere. Senza lottare, senza attaccare, senza sormontare gli avversari in fase offensiva. Fuori contro un onesto Milan, con un Piatek galvanizzato dinanzi al suo pubblico. Ma dov'era la difesa? Meglio lasciar stare l'analisi dei singoli, altrimenti troverei pecche ed errori partendo dalla difesa ed arrivando all'attacco. Di sicuro non si puo' prendere gol con un cross lento, che ti scavalca mentre resti imbambolato, o lasciando tutto il tempo all'attaccante di calciare come gli pare, errori gravi da scuola elementare del calcio. Lo sanno i diretti interessati, che però devono anche ricordare che sono calciatori del Napoli. E queste figuracce non sono ammesse. Spesso si parla dei contratti milionari, delle prospettive che può offrire un calciomercato ormai impazzito, con il Fair Play Finanziario che sembra un limite per alcuni mentre per altri non lo è. Si, ma in tutto ciò, il sogno dov'è finito? La fame, o la sete, di vittoria dov'è?! Per vincere bisogna volerlo, altrimenti stacchiamo solo assegni e vissero tutti felici e contenti con grandi conti in banca. Invece non deve mai mancare la voglia di raggiungere l'obiettivo, di essere piu' forti della Juventus, della VAR, degli errori degli arbitri o di chiunque altro! Se manca questa linfa, portiamo a termine solo il compitino e non si va da nessuna parte. Nessuno vuole essere l'eterno sparring partner di chi vince sempre. Per emergere da questa situazione occorre una grande forza di volontà. Della sconfitta contro il Milan, mi ha colpito un aspetto: vedere Hamsik, Callejon e Mertens per gran parte dell'incontro (se non completamente se si pensa allo slovacco) in panchina. Ancelotti ha parlato di un incidente di percorso, che non si tratta di un periodo negativo ma di una singola partita persa. Voglio credergli. Ma intanto dopo l'uscita dalla Champions e dalla Coppa Italia, con la Juventus a +11 in campionato, e la sola Europa League rimasta come obiettivo da perseguire, insieme all'importantissima qualificazione Champions (che pero' ormai, essendo diventata una piacevole routine, non elettrizza piu' di tanto i tifosi), che la sintesi di quest'annata non diventi "preferivo la Coppa", parafrasando il titolo di una delle sue tre autobiografie. Perchè a Napoli tutti hanno voglia di vincere e se qualcuno non è della stessa idea, e mi riferisco a qualche elemento della rosa, che saluti la nave. Qui non ci sentiamo inferiori a nessuna squadra del mondo, per ambiente, città e pubblico, che regalano emozioni uniche ai propri beniamini e che proprio per questo aspetto a fine stagione meritano trofei in bacheca. 

 

 

Antonio Petrazzuolo
 
 
Napoli Magazine
 
 
Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com

Loading...
ULTIMISSIME IN PRIMO PIANO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>