Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 38
venerdì 20 settembre 2019, ore
L'EDITORIALE
AUDIO KK - Davide Ancelotti: "Sono ottimista, la squadra migliorerà, chiaro che con Ancelotti ci sia l'aspettativa di vincere, la nostra famiglia è di tradizione contadina, il principio è seminare e quindi il raccolto sarà rigoglioso"
25.04.2019 13:43 di Napoli Magazine

NAPOLI - Davide Ancelotti, vice allenatore del Napoli, ha rilasciato un’intervista esclusiva a Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco quanto evidenziato da “Napoli Magazine”: “Blindare il secondo posto? L’obiettivo è finire il campionato al meglio, fare più punti possibili, fare buoni prestazioni a partire da domenica, abbiamo intenzione di fare bene. La prestazione con l’Atalanta l’abbiamo fatta, siamo andati in vantaggio, meritavamo di più, abbiamo speso tanto, poi quando abbiamo pareggiato, abbiamo pagato lo sforzo fatto nell’ultimo periodo, in Europa League sono state spese tante energie. La pecca è stata quella di non aver chiuso la partita. Bisogna analizzare più a fondo quello che propone il calcio italiano e all’estero. Siamo usciti dall'Europa League con una signora squadra. Molte volte sbagli un tempo e rischi di uscire, come successo a Londra, partendo da 50 e 50 la qualificazione si è sbilanciata a loro favore. Siamo arrivati in un gruppo che aveva certezze ben consolidate, abbiamo fatto un lavoro del quale mi ritengo soddisfatto. I ragazzi hanno fatto una grandissima stagione fino a dicembre, abbiamo segnato la strada per il futuro, sono ottimista, la squadra sa dove migliorarsi, deve farlo e lo farà. Il percorso è positivo, il vincere si ottiene tramite il percorso di crescita e il percorso di crescita è segnato. Vincere dipende da molte cose. Secondo me il futuro può lasciare molto ottimisti per quanto visto quest’anno e per le prospettive che ci sono. Le aspettative erano che la squadra arrivasse tra il quarto e il quinto posto. Quello che pensiamo noi è che la strada sia segnata, dobbiamo essere ottimisti, è una squadra giovane che sa giocare a calcio. I rammarichi ci sono, essere usciti in questo modo dalla Champions dopo aver disputato un girone fantastico, ha determinato un cambio di obiettivi che unito al fatto che l’Europa League porta via tantissime energie, a livello psicofisico siamo stati sempre secondi durante la stagione e con una Juve così forte, ha inciso nell’avere un momento difficile che stiamo gestendo e dal quale vogliamo uscire prima possibile. Penso che il Napoli abbia giocato un bel calcio e mi rende soddisfatto, è chiaro che è arrivato Ancelotti e c’è l’aspettativa di vincere. Ancelotti vuole aiutare la squadra a crescere, per la vittoria servono diverse componenti e la squadra sta maturando e riuscirà a vincere qualcosa. Se ci immaginiamo a Napoli a vita? Sì, lo ripeto, non è che in un momento un po’ complicato dobbiamo buttare via tutto. Ci saranno anche altri momenti critici, il calcio è così, sappiamo che funziona così e dobbiamo focalizzarci sul percorso. Siamo contentissimi della rosa che abbiamo, è una rosa di qualità, che ti permette di giocare in tanti modi e di essere elastico, Allan è stato convocato in nazionale brasiliana, Fabian nella nazionale maggiore spagnola, Meret è il futuro della nazionale italiana. Sicuramente per questa squadra il percorso è segnato, migliorerà, il miglioramento può passare attraverso qualche aggiustamento, ma siamo soddisfatti della rosa. Il Napoli di Empoli è stato brutto ma non perché fosse in difficoltà fisica. L’Europa League la paghi ma la squadra non è in difficoltà a livello fisico, basta analizzare i dati delle partite. Penso che il San Paolo abbia aiutato la squadra in determinate partite, se la spinta ci viene data più volte, la squadra rende di più rispetto a quanto fatto che è comunque positivo. La nostra famiglia è di tradizione contadina, il principio è seminare e il raccolto sarà rigoglioso”.

 

Loading...
ULTIMISSIME L'EDITORIALE
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>