Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 7
sabato 16 febbraio 2019, ore
L'EDITORIALE
NEW YORK TIMES - De Laurentiis: "La promozione e la retrocessione sono la più grande idiozia nel calcio, cosa ci fa il Frosinone in Serie A? Chi arriva ultimo dovrebbe pagare una multa, scoraggiato dall'acquisto di una squadra negli Stati Uniti, sul Bari..."
22.01.2019 10:58 di Napoli Magazine

NAPOLI - Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ha parlato rilasciato un'intervista al New York Times: "Finisci per primo, prendi 100 milioni di euro, per esempio. Finisci secondo, guadagni € 50 milioni e così via. Ma se finisci per ultimo, paghi una multa". Club come il Frosinone - afferma De Laurentiis - non attirano fan, né interessi, né emittenti nel campionato. Arrivano, non cercano di competere e tornano indietro, tranne che con le loro casse piene di quella che lui vede come una quota ingiustificata delle entrate della divisione dei diritti tv. "Il problema è che i piccoli team hanno gli stessi diritti dei più grandi. Perché il Frosinone dovrebbe avere una stagione in serie A, avere una fetta della pagnotta e quindi essere retrocesso? Se non possono competere, se finiscono per ultimi, dovrebbero pagare una multa. Non dovrebbero ricevere denaro per il fallimento", ha affermato il patron azzurro. "La promozione e la retrocessione sono la più grande idiozia nel calcio. Soprattutto quando anche la UEFA ha cercato di costringere i club a rispettare le regole del fair play finanziario. I club dovrebbero essere strutturati geograficamente, in modo che possano essere tutti autosufficienti. Se non possono sopravvivere finanziariamente, se non possono essere autosufficienti, dovrebbero essere espulsi". De Laurentiis - riporta il New York Times, per anni ha cercato di acquistare una nuova società nel calcio, gliene sarebbe piaciuta una a Londra. "Non abbiamo mai trovato l'occasione", ha detto. Ha spostato dunque le sue attenzioni negli Stati Uniti, indagando sull'offerta di acquistare un franchise di espansione in Major League Soccer. Ha trascorso mesi a esaminare le proposte a Baltimora, Detroit e Las Vegas, ha detto, ma è stato scoraggiato dal costo di una squadra: oltre 150 milioni di dollari, più il costo di un nuovo stadio. Poi, in agosto, De Laurentiis ha ricevuto una telefonata dal sindaco di Bari, Il club locale, che ha giocato in Serie A nel 2011, era stato dichiarato fallito ed era stato retrocesso in Serie D. Il sindaco ha offerto a De Laurentiis la possibilità di acquistarlo. "Sono rimasto sorpreso", ha detto De Laurentiis. "Non conosco nessuno a Bari. Non sono quasi mai stato lì". Il patron azzurro ha accettato ricevendo ampi consensi dei tifosi del Bari: "Hanno visto che eravamo persone serie", ha detto Aurelio De Laurentiis che ha insistito sul fatto che possedere un'altra squadra non sottrarrà la sua attenzione dal suo primo amore. "Napoli è Napoli, Bari è Bari", ha detto. Suo figlio Luigi, presidente del Bari, nel frattempo, è fermamente convinto che le competenze che lui e suo padre hanno raccolto sulla costa tirrenica ora possono essere applicate sull'Adriatico. "Siamo partiti da zero", ha detto Luigi. "Dovevamo creare il marchio, iniziando con un nuovo stemma, e poi fare tutto il necessario per una squadra: una campagna di abbonamenti, un sito web, il marketing, i social media, le maglie, la ricerca di sponsor. Bari ha un appeal nazionale; siamo l'unica squadra nella nostra divisione che viene trasmessa a livello nazionale", ha detto, il risultato di una partnership con il servizio di streaming DAZN. La stessa Puglia ha visto un boom nel turismo negli ultimi anni; l'opportunità, ha detto il giovane De Laurentiis, era troppo buona per ignorarla. Il piano, inutile dirlo, è quello di riportare Bari alla massima serie - si legge sul New York Times come tradotto da "Napoli Magazine", anche se ciò creerebbe una battaglia sulla possibilità che due squadre nella stessa competizione possano avere la stessa proprietà. "Bari è un marchio riconoscibile", ha detto Luigi. "Non è Frosinone. Ha giocato in Serie A. Ha una lunga lista di famosi ex giocatori". In altre parole, non è il tipo di squadra che Aurelio De Laurentiis denuncerebbe come partner sparring, un club il cui unico scopo è quello di recuperare la classifica e di ritirare uno stipendio.

Loading...
ULTIMISSIME L'EDITORIALE
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in