Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 22
lunedì 25 maggio 2020, ore
IL SONDAGGIO
SONDAGGIO NM - Coronavirus, come state trascorrendo le ore a casa?
Leggendo le News dei giornali online
Libri
Social Networks
Serie Tv, Netflix, Tv
Videogames
RISULTATI
VOTA
SOCIAL NETWORK
NM LIVE - Pepe Reina, Ivan Zazzaroni, Sandro Sabatini ed Eleonora Boi in diretta con Antonio Petrazzuolo su “Napoli Magazine”
30.04.2020 17:33 di Napoli Magazine

NAPOLI - Trentatreesima puntata di “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, programma condotto da Antonio Petrazzuolo su NapoliMagazine.Com e (novità assoluta) in contemporanea su tutti i social network di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube, per un pubblico potenziale totale di oltre 1 milione di seguaci), con messaggi interattivi. Ospiti in collegamento: Pepe Reina, Ivan Zazzaroni, Sandro Sabatini ed Eleonora Boi.

 

 

NM LIVE - Pepe Reina: “Un giorno sogno di allenare il Napoli, Gattuso uomo vero, farà bene, Mertens e Callejon? Sento spesso tutti i ragazzi, spero di tornare quanto prima con la mia famiglia per fare una bella passeggiata sul lungomare partenopeo

 

NAPOLI - PEPE REINA, portiere dell’Aston Villa ed ex del Napoli, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, trasmissione che approfondisce i temi d’attualità legati al Calcio Napoli, condotta da Antonio Petrazzuolo, in onda il giovedì dalle 21 alle 22 su Napolimagazine.com e su tutti i canali social di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube). Ecco quanto dichiarato: “Siamo tutti chiusi in casa, in attesa di sapere quando e come potremo tornare in campo, ma in questo momento non è la cosa principale. Bisogna avere rispetto per chi sta combattendo in prima linea contro questo maledetto virus e tantissimo rispetto per le tante persone che ci hanno lasciato. Voglio ringraziare tutti per il sostegno mostratomi, sono stati momenti difficili per me e per la mia famiglia, siamo rimasti isolati per qualche giorno, ma pensando a quante persone non ci sono più, davvero la mia situazione non è nemmeno minimamente paragonabile. Sono stato molto fortunato. Napoli è sempre un pezzo del mio cuore, è qualcosa che va al di la del calcio, ho tanti buoni amici che tornerò a trovare, ricordando però, anche le cose belle che abbiamo fatto in campo. Speriamo che la situazioni migliori e che torni quanto prima alla normalità, per tornare a vivere tranquillamente, così potrò tornare con la mia famiglia a fare una bella passeggiata sul lungomare di Napoli. Con tanti miei ex compagni continuo ad avere rapporti, ci siamo rivisti l’ultima volta a novembre, ognuno di loro ha una situazione contrattuale diversa e sicuramente faranno le scelte migliori per tutti. Sinceramente non so cosa hanno deciso, posso soltanto dire loro di seguire anche il cuore, anche se nessuno meglio di Dries o Josè, ad esempio, potrà fare la scelta più giusta. Non smetterò mai di ringraziare i tifosi azzurri per il sostegno che abbiamo avuto e se ci penso c’è sempre un po’ di nostalgia, così come mi manca la mia Spagna. La mia stagione all’Aston Villa, per ora, è stata troppo corta perché, purtroppo, è successo quello che è successo, se riprenderemo sicuramente darò il massimo per la salvezza. Non ho alcun dubbio sulla scelta di Gattuso, perché è un uomo leale, diretto, ha grandi valori e sa sfruttare al meglio le qualità di ogni singolo giocatore e non lo dico per amicizia, ma perché è un uomo e un allenatore vero. In quattro anni a Napoli ho fatto tante belle parate ma anche tante papere (ride, ndr), se proprio devo sceglierne qualcuna, dico quella a fine partita in casa con l’Inter e quella contro la Roma all’Olimpico. Qualcuno mi ha rimproverato per essere andato al Milan, ma avevo il contratto in scadenza che non sarebbe stato rinnovato e ho fatto una scelta che andava bene sia alla mia famiglia che al sottoscritto. Comunque, a prescindere dalla scelta che avrei fatto, nessuno avrebbe mai potuto mettere in dubbio il rispetto che ho avuto e avrò sempre per i napoletani e per quei colori. Ricordo bene la sera prima di Fiorentina-Napoli, siamo rimasti desolati vedendo Inter-Juve e il giorno dopo, in seguito all’espulsione di Koulibaly, abbiamo perso la partita e forse, lo scudetto. Ma nessuno potrà mai cancellare quanto abbiamo fatto di grande e di bello in quella stagione. La situazione del Napoli somiglia tanto a quella del Liverpool che ha dovuto attendere tantissimo per rivincere la Premier League, sono sicuro che prima o poi, toccherà agli azzurri riassaporare lo gioia per la vittoria di uno scudetto. I tre portieri del Napoli sono tutti bravissimi e lo dicono i fatti, poi toccherà sempre all’allenatore fare le scelte che ritiene più opportune. Sogno di diventare allenatore e spero di diventarlo, ma devo imparare tantissimo, certamente mi piacerebbe allenare il Napoli, ma bisogna essere molto bravi per farlo, se non ci riuscirò, pazienza”.

 

NM LIVE - Ivan Zazzaroni: “Ad oggi non è possibile dire come e quando si riparte perché si cambia idea ogni cinque minuti, ricominciare a settembre sarebbe pericolosissimo

 

NAPOLI - IVAN ZAZZARONI, direttore del Corriere dello Sport, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, trasmissione che approfondisce i temi d’attualità legati al Calcio Napoli, condotta da Antonio Petrazzuolo, in onda il giovedì dalle 21 alle 22 su Napolimagazine.com e su tutti i canali social di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube). Ecco quanto dichiarato: “Sinceramente non so cosa accadrà per il calcio, anche perché ogni cinque minuti cambiano idea. Mi auguro che si possa ripartire perché ci sono centinaia di posti di lavoro in ballo e se si dovesse ripartire a settembre, credo che tantissimi non potranno più lavorare, sarebbe la morte di tutto il movimento. È vero che in questo momento ci sono altre priorità, così com’è vero che nessuno sa come e quando ripartire, per questo mi sembra davvero assurdo parlare di mercato, il vero problema è capire cosa ritroveremo eventualmente tra tre, quattro mesi. Il gesto di De Laurentiis, di acquistare la maglia di Mertens messa all’asta, non credo possa chiarire il futuro del belga, ripeto, siamo in una nebulosa, in attesa di rivedere un po’ di luce. Capisco che ci sono tifosi che vorrebbero parlare di mercato, di partite, di futuro, ma purtroppo non c’è nulla di concreto e la situazione che si prospetta nelle prossime settimane, non è per niente chiara e rassicurante. Napoli mi manca eccome, oramai sono legatissimo alla città e ai napoletani, tra l’altro, oltre alla partecipazione alle varie trasmissioni delle emittenti tv partenopee, solitamente vengo in città anche solo per piacere personale. Credo che Gattuso possa restare a Napoli, anche perché ha fatto molto bene. In questo momento, però, davvero non riesco a spostare l’attenzione da una possibile ripresa dell’attività e spero che la Germania non faccia un passo indietro e che possa trainare anche gli altri campionati europei”.

 

NM LIVE - Sandro Sabatini: “Siamo in attesa di un segnale più chiaro rispetto a quanto accaduto finora, ma le indicazioni che arrivano non mi sembrano tanto positive

 

NAPOLI - SANDRO SABATINI, giornalista di Sport Mediaset, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, trasmissione che approfondisce i temi d’attualità legati al Calcio Napoli, condotta da Antonio Petrazzuolo, in onda il giovedì dalle 21 alle 22 su Napolimagazine.com e su tutti i canali social di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube). Ecco quanto dichiarato: “In questo momento siamo tutti in attesa di qualche segnale più chiaro rispetto a quanto accaduto finora, in queste ultime ore le società hanno ributtato la palla al governo, anche se le indicazioni che arrivano non mi sembrano tanto positive per una ripartenza nel breve periodo. In Europa, poi, ci sono esempi diametralmente opposti, come la Francia che ha già chiuso i battenti della Ligue1 o come la Germania e la Spagna che si stanno preparando per tornare in campo, che rendono ancora più difficile la scelta, certo è che se effettivamente non ci saranno le condizioni di sicurezza per riprendere, meglio chiudere tutto e riparlarne in autunno. Parlare di mercato, adesso, senza campionato, non ha senso, anche se potrebbe servire per distrarci un po’. Anche Mertens che ha il contratto in scadenza, perché dovrebbe rinnovare? E per quanto? Purtroppo la situazione attuale non ci permette di fare previsioni, rende tutto maledettamente più difficile e anche club e giocatori sono allo sbando. Oggi sento tante persone che hanno la ricetta giusta, il rimedio più efficace e in pratica succede il contrario, e il calcio non si sottrae a queste dinamiche. Io dico una cosa, premesso che in tanti sono sicuri che in autunno ci sarà una seconda ondata di contagi, se si dovesse riprendere a giocare e un giocatore risulterà positivo, cosa succederà? Tra le tante ipotesi ventilate, però, ce n’è una abbastanza verosimile direttamente collegata alla geografia del contagio perché, oggettivamente, ci sono zone dell’Italia, da Roma in giù, dove il virus è scomparso o sta scomparendo, e questo conterà moltissimo nelle scelte che saranno fatte. Io penso che sia legittimo che le misure di contenimento dipendano anche dalla diffusione del virus perché, credo proprio che se il contagio si fosse propagato al contrario, ovvero, più al sud che al nord, sicuramente le regioni settentrionali avrebbero avanzato questa richiesta”.

 

NM LIVE - Eleonora Boi: “I tifosi napoletani amano Mertens perché oramai c’è un legame molto saldo tra il giocatore, la maglia e la città

 

NAPOLI - ELEONORA BOI, giornalista sportiva, è intervenuta a “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, trasmissione che approfondisce i temi d’attualità legati al Calcio Napoli, condotta da Antonio Petrazzuolo, in onda il giovedì dalle 21 alle 22 su Napolimagazine.com e su tutti i canali social di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube). Ecco quanto dichiarato: “Siamo rimasti bloccati negli USA da tempo, oggi ho appena scoperto che il primo volo disponibile per tornare in Italia, è per il 25 giugno e quindi faremo di necessità virtù. Devo dire che l’Oklahoma, dove mi trovo, è uno dei pochi stati dove da domani saranno allentate le misure di contenimento e questo renderà la nostra permanenza meno pesante e meno sacrificata. Se do retta a Danilo (Gallinari, ndr) rischio di farmi male con gli esercizi che mi fa fare, forse dovrei rifiutarmi, ma per amore si fa questo ed altro. Posso dire che qui stiamo vedendo delle serie tv che arriveranno prossimamente in Italia, ma non posso dirvi nulla per non spoilerare. Sebbene a distanza, sto seguendo quanto sta accadendo per il calcio, sembra essere tornati ai tempi della scuola, alla divisione tra buoni e cattivi, mentre ora conta solo ed esclusivamente la sicurezza. Se davvero il 18 maggio sarà possibile riprendere gli allenamenti, allora credo che si aprirà qualche spiraglio per riprendere entro tra la tarda primavera e l’inizio estate. Perché i tifosi chiedono sempre di Mertens? Perché oramai c’è un legame molto saldo tra il giocatore, la maglia e la città, e i napoletani apprezzano tantissimo questo sentimento”.

 

NM LIVE - Antonio Petrazzuolo: “Nulla di concreto sulla ripresa del calcio in Italia, solo tanta confusione, a queste condizioni è impossibile parlare di mercato

 

NAPOLI - ANTONIO PETRAZZUOLO, direttore di Napoli Magazine, ha condotto “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, trasmissione che approfondisce i temi d’attualità legati al Calcio Napoli, in onda il giovedì dalle 21 alle 22 su Napolimagazine.com e su tutti i canali social di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube). Ecco quanto dichiarato: “Si parla tanto di confronti tra il mondo della politica e quello dello sport, si dicono tante cose e si azzardano anche tante date per la ripresa dell’attività, ma per ora non c’è nulla di concreto. Non riesco a capire chi dice di sapere tutto o di avere sempre la ricetta pronta, la soluzione giusta, io sono abituato a raccontare o a dare un'opinione su quello che vedo e per ora, noto solo tanta confusione, indotta da una situazione oggettiva, quella sanitaria, non ancora sotto controllo, quindi non posso dare nulla per scontato, o quasi nulla. Una delle poche cose che mi sento di dire, ad esempio, è che se si ripartirà, le partite potremo vederle sono in tv perché sicuramente si giocherà a porte chiuse. Tanti tifosi mi chiedono di mercato perché c’è tanta voglia di normalità e anche di rilassarsi un po’, volgendo il pensiero a qualcosa di più leggero. Mi chiedete di Milik, se resta o se sarà ceduto, ma mi dispiace deludervi, perché in questo momento non ci sono novità, è solo una delle tante voci di mercato. Così come è impossibile sapere qualcosa sul rinnovo di Mertens in questo momento molto confuso”.

 

Loading...
ULTIMISSIME SOCIAL NETWORK
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>