Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 49
venerdì 4 dicembre 2020, ore
TUTTI IN RETE
DALLA POLONIA - Milik: "E' il momento giusto per provare una nuova sfida, non penso ai soldi, il Napoli mi aveva offerto il rinnovo a condizioni molto buone"
13.10.2020 10:25 di Napoli Magazine

Arek Milik, attaccante del Napoli, ha rilasciato un'intervista dal ritiro della nazionale polacca a Sportowefakty. Ecco quanto tradotto da "Napoli Magazine": "Il mio futuro è stato in gioco fino alle ultime ore del mercato. Almeno ora so dove mi trovo. Sono nel ritiro della nazionale e su questo mi concentro. Ma è vero, è stato un periodo molto intenso per me. Si è parlato molto di me. Non sempre la verità, quindi vorrei chiarire alcune cose.

 

Partiamo dall'inizio.
L'SSC Napoli voleva prolungarmi il contratto per altri 5 anni. Il club mi ha dato una scelta: firmare il contratto o andare via. Ho deciso che mi sarebbe piaciuto provare qualcosa di nuovo altrove. Avevo due opzioni e poiché mi rifiutavo di prolungare il contratto, la situazione è diventata chiara. Il mio agente, Dawid Pantak, stava cercando un club per me. C'era interesse da parte di alcune squadre, ci sono stati colloqui. La pandemia di coronavirus ha complicato alcune cose, come hanno fatto molti calciatori. Non ha aiutato neanche me. Avevo già ricevuto altre offerte in estate.

 

Secondo i media italiani, ti voleva mezza Europa, inclusi Juventus, Atletico Madrid, Roma, Fiorentina, club inglesi e tedeschi. Qual è la verità?
Non voglio fornire dettagli o nomi di squadre. Lo spiegherò diversamente. Affinché il trasferimento avvenga, è necessario raggiungere un accordo tra il giocatore ed entrambe le squadre. C'è stato il via libera da parte mia. I club non hanno trovato l'accordo. E sono rimasto a Napoli.

 

All'AS Roma ti sei sottoposta agli esami medici, per un attimo si è anche diffusa la notizia che la società avesse paura di comprarti a causa di precedenti infortuni ad entrambe le ginocchia.

 

Ho fatto le visite mediche lì, è vero, ma andava tutto bene. Il club ha anche rilasciato una nota su questo argomento. Tuttavia, non vorrei commentare su quale squadra ero più vicino.

 

Ti chiederò del Paese. Avresti dovuto continuare a giocare in Italia?

Sì.

 

I tifosi del Napoli suggeriscono che ci tenevi solo ai soldi.


Se il mio futuro fosse deciso da questioni finanziarie, avrei prolungato il mio contratto con l'SSC Napoli. Ho ricevuto un'offerta a condizioni molto buone.

 

Allora perché volevi lasciare il Napoli?

La vita di un atleta è bella ma breve. Ho 26 anni, voglio crescere, essere un calciatore migliore. Credo che questo sia il momento giusto per provare una nuova sfida. Sono una persona che segue ciò che sente. Fare qualcosa contro se stessi non ha senso per me. Negli ultimi mesi molte cose sono state fraintese ed esagerate.

 

Quale, per esempio?

Non c'è mai stata ostilità da parte mia verso il Napoli. Volevo risolvere tutto professionalmente. Ho un grande rispetto per la società, ho trascorso quattro anni meravigliosi a Napoli. Rispetto il Napoli, i tifosi. Ho avuto prestazioni buone e meno buone. Ma ho deciso così. Giusto o sbagliato, ma è una mia decisione. Ai giornalisti italiani piace aggiungere un po' di dramma a questioni semplici. Vivono il calcio, lo respirano, ne discutono tutti. In televisione, su giornali, portali, blog. Chiunque può dire quello che vuole, ma non tutte le informazioni sono corrette. Devo ammettere che da quando è scoppiata la "saga con Milik" i fatti sono stati pochi.

 

Ad un certo punto si è avuta l'impressione che ci fosse una guerra tra te e il club.

Da parte mia, non esiste certamente un tale approccio. Capisco che i tifosi potessero "impazzire" quando ogni giorno apparivano notizie scioccanti su di me. Ecco com'è il business, lo capisco. A volte un calciatore ne soffre, ma spero che dopo questa intervista i tifosi capiscano la mia prospettiva e l'intera situazione. Posso assicurarvi che il rispetto per la società non è mai mancato da parte mia.

 

Forse il club si comporta così perchè non sei voluto andartene?

Fin dall'inizio, ero pacifico nel separarmi in armonia. Non puoi incolpare il giocatore per non aver lasciato, dal momento che non era colpevole. Il Napoli non ha comunicato con le squadre in cui volevo andare. Non credo che nessun calciatore avrebbe volutamente portato a una situazione in cui avrebbe trascorso diversi mesi sugli spalti. Questa non è una bella notizia per me.

 

Forse è una questione d'onore per il presidente Aurelio De Laurentiis?

Abbiamo sempre avuto relazioni buone e normali. Il presidente ha il suo modo di pensare. Non credo sia influenzato da ciò che appare nei media.

 

Non sei stato inserito nelle liste di Serie A ed Europa League. Fa male?

L'ho scoperto dai media. Mi aspettavo una decisione del genere, ma la mancanza di comunicazione con il giocatore non era del tutto professionale. Credo di non essere stato trattato bene alla fine. Ci sono anche altri giocatori nel club che non hanno rinnovato i loro contratti, e su di loro è tranquillo. Nelle ultime due stagioni sono stato il capocannoniere della squadra, dando sempre il 100%. Ho dei rimpianti? No, perché so come funziona. Soffrirò un po', ma resisterò.

 

Parlerai con il presidente o l'allenatore del Napoli quando tornerai in Italia?

Non so se la conversazione cambierà qualcosa in termini di portarmi via dal gioco. Vedremo come andrà a finire tutto. Sono aperto alla cooperazione.

 

Vuoi anche tornare lì?


Fino all'ultimo giorno del mio contratto, mi allenerò e giocherò come meglio posso.

 

Ti sei allenato individualmente di recente?

Ci siamo allenati in un gruppo di 5-6 giocatori. Ho iniziato ad allenarmi in questo modo circa una settimana dopo l'ultimo ritiro della nazionale di settembre. Lo staff del Napoli è stato molto coinvolto nelle nostre attività. E' arrivato Gattuso, non mi hanno trattato come una persona che stava per andarsene. L'allenatore non mi ha fatto sentire che qualcosa era cambiato.

 

Continuerai ad allenarti con questo gruppo?

Non lo so, non ho ancora parlato con nessuno nel club.

 

In che forma sei adesso?

Mi sento bene fisicamente. Mentalmente? Prima della partita contro la Finlandia (5: 1), le critiche che mi sono cadute addosso erano nella parte posteriore della mia testa. Mi è bastato che accendessi i social e ho già visto molte notizie negative. La parola "valanga" probabilmente si adatta meglio. Una valanga ha inondato la mia casella di posta.

 

L'hai preso sul personale?


Non sono entrato nel contenuto. Tuttavia, ci sono situazioni in cui non puoi agitare la mano. Ad esempio, quando una fidanzata legge cose offensive su di me sul suo profilo. A proposito, anche su me stesso. Le parole su di noi hanno toccato anche la famiglia.

 

Come l'hai affrontato?

So che è solo una voce sui social media. Non definisce chi sono veramente. Sono stato pesantemente criticato prima, ma sto ancora crescendo, sono un giocatore sempre migliore. Mostra solo che tali opinioni non si traducono in realtà.

 

Sei criticato nel mondo virtuale e in quello reale?

I tifosi del Napoli al massimo mi si sono avvicinati chiedendomi se me ne andavo davvero, dove stavo andando. Non c'erano ostilità, odio o aggressività in loro. Sfortunatamente, molte parole sono tradotte in modo impreciso dal polacco all'italiano e viceversa. Molte persone sono inoltre inconsapevoli del fatto che non tutte le informazioni fornite dai media sono vere. La gente li legge, ci crede e trae conclusioni.

 

Sfatiamo alcuni altri miti. Il mancato trasferimento potrebbe essere influenzato dal caso di quasi un anno fa, quando la squadra doveva andare in ritiro e rifiutò?

No.

 

E la promozione del tuo ristorante a Katowice potrebbe rovinare il rapporto con il presidente di De Laurentiis?

Noi calciatori del Napoli abbiamo contratti strutturati in modo che il club detenga il cento per cento dei diritti sulla nostra immagine. Potrei esserne accusato, ma non è un problema che pregiudicherebbe il trasferimento. Tali questioni vengono risolte in poche ore.

 

Tutti questi mesi di confusione sono nati dopo uno dei momenti più belli della tua carriera: la vittoria della Coppa Italia.

È stato un anno strano a causa della pandemia. Nel nostro caso è stato sicuramente il più debole a causa del 7 ° posto in classifica di Serie A. Abbiamo avuto momenti molto difficili, l'allenatore è cambiato. Poi c'è stata una pausa a causa del coronavirus. Ma la stagione si è conclusa in un bello stile e ho vinto il mio primo trofeo in carriera.

 

Ai calci di rigore il Napoli ha vinto con la Juventus, tu hai tirato l'ultimo e hai segnato.

E' una bella esperienza, questa adrenalina sicuramente non mi brucia. Spero solo che possiamo tornare a giocare in presenza dei tifosi. È strano senza tifosi. Il calcio ha perso molto.

 

I ricordi migliori dell'ultima stagione?

Ho sicuramente dei bei ricordi della mia seconda stagione al Napoli. Allora avevamo la squadra migliore da quando sono nel club. Abbiamo lottato per il campionato italiano fino alla fine e siamo stati vicini al titolo.

 

Cosa hai imparato in quattro anni in Italia?

Ho acquisito esperienza e pace. Quattro anni fa, neanche io potevo giocare all'indietro come faccio ora. Non è il mio forte, ci ho prestato la massima attenzione, ma sono migliorato molto sotto questo aspetto.
 

È possibile confrontare il campionato italiano con il campionato tedesco o olandese in cui hai giocato?

In Olanda ci hanno insegnato a giocare di più a calcio, si sono concentrati sullo sviluppo di ogni giocatore. C'era anche più improvvisazione in campo. In Italia, si gioca compatti. La cosa più importante è l'unità, la forza della squadra. Le tattiche e gli arrangiamenti vengono prima di tutto.

 

Hai giocato per molti anni nei club come l'attaccante più avanzato, mentre in Nazionale sei più spesso nella posizione numero "10". Non ti dà fastidio?

Posso guardare molte cose in modo diverso. Cerco un passaggio in avanti, lancio la palla. Certo, cerco di segnare quando possibile. Sono abituato al fatto che gioco "10" più spesso in nazionale e ho compiti difensivi di base. L'allenatore Adam Nawalka mi ha trasferito lì per un semplice motivo. Nella nazionale polacca abbiamo il miglior "9" del mondo, ovvero Robert Lewandowski.

 

Lewandowski ti ispira?

Sicuro. Sono contento che un calciatore polacco abbia dimostrato che è possibile ottenere un grande successo in campo internazionale. Con il duro lavoro, il perseguimento degli obiettivi e, soprattutto, la regolarità. Anche il fatto che sviluppi cose nuove ogni anno. Robert è un modello per molte persone in molti modi. Essere guida, pensare. Vuole costantemente migliorare, cerca riserve in se stesso.

 

Di recente hai raggiunto un piccolo record in nazionale, hai infranto la barriera di cinquanta partite. Quale ti ricordi in particolare?

Mi piacciono sempre le partite dopo le quali siamo felici. La gioia degli altri: la squadra e i tifosi mi danno la soddisfazione più grande. Così è stato dopo la sconfitta della Germania (2-0), dopo i rigori con la Svizzera a Euro 2016. Questi momenti ci hanno uniti, hanno spinto la squadra in avanti. E sono soprattutto gli altri. Per me entrare nello staff mi dà sempre molta gioia. Si mobilita per lavorare ulteriormente, dopotutto, i migliori giocatori del paese sono qui".

 

La partita con la Finlandia (5: 1) ti ha aiutato?

Mentalmente di sicuro. Non è stato facile per me a causa del trasferimento. Sono contento di aver segnato un gol.

 

Com'è per te lavorare con l'allenatore Jerzy Brzeczek? Col nuovo allenatore, sei più spesso una riserva. Eri un giocatore chiave con il precedente, Adam Nawalka.

In effetti, non ho giocato molto nell'eliminazione, è stata una delusione. Mi è sempre successo qualcosa. Infortuni minori, anche un raffreddore o qualcos'altro. A volte l'allenatore aveva anche un'idea diversa per la formazione, ad esempio con tre giocatori a centrocampo.

 

Senti la fiducia dell'allenatore?

Una partita come quella contro la Finlandia mi ha dato il segnale. Con i miei problemi al club, l'allenatore ha scommesso su di me, ho giocato 90 minuti. È stato gentile da parte sua, mi sono sentito supportato. Lo apprezzo.

 

Brzeczek ha cambiato lo staff?

L'allenatore non ha avuto una partenza facile, molto è cambiato in Nazionale, ma credo che la squadra stia crescendo. Ora, quando mi guardo intorno a cena, vedo solo i giovani ai tavoli. Non c'è più della metà della rosa da Euro 2016 e dal Mondiale 2018. Il passaggio generazionale doveva arrivare".


Giocatori come Bielik, Moder, Karbownik o Józwiak ti hanno impressionato?

Giocatori che hanno molto potenziale. Tutti i giovani hanno dimostrato di avere qualità e un grande potenziale. È importante sottolineare che ognuno di loro ha una personalità. Questa non è sempre la norma. I ragazzi hanno una mentalità aperta. Siamo contenti che siano con noi.

 

Stai per essere tra gli "anziani". Strana sensazione?

Non sono ancora vecchio, ma nemmeno giovane. La carriera sta volando veloce, prima o poi accadrà.

 

Al momento abbiamo più potenziale in nazionale che negli ultimi campionati europei e mondiali?

È difficile giudicare. Ricorda che giocatori come Lukasz Piszczek o Kuba Blaszczykowski non possono essere sostituiti in un giorno. Per anni sono stati i pilastri della squadra, sono stati vicini e in sintonia tra loro. Hanno portato grande abilità. Lo stesso vale per altri giocatori che sono vicini a questo punto. Vorremmo mostrarci molto bene al prossimo Europeo. Forse saremo in grado di divertirci come di recente? Credo che possiamo fare qualcosa di carino.

 

Il Lockdown ti ha insegnato qualcosa?

Ho avuto l'opportunità di trascorrere più tempo con la mia fidanzata. Molto, molto di più. Mi sono assicurato che ci adattassimo perfettamente. Si potrebbe dire che abbiamo dato un timbro alla nostra relazione. Ho anche passato molto tempo a lavorare su me stesso, ad esempio in palestra. Dopo una pausa nella competizione, non ho avuto grossi problemi con la mia forma. Penso che sia stato ripagato.

 

Durante la pandemia, il tuo ristorante a Katowice ha sostenuto i medici. Hai preparato i pasti e li hai consegnati agli ospedali gratuitamente.

Siamo rimasti tutti sorpresi dalla pandemia di coronavirus. Abbiamo visto che le persone che passano le loro giornate a salvare vite umane, cioè infermieri, medici, non hanno nemmeno il tempo di mangiare. Ci ha toccato molto. Ho parlato con i miei soci, eravamo d'accordo. È venuto fuori spontaneamente e siamo passati subito all'azione. È un peccato non essere potuto venire dall'Italia in Polonia. Sarei sicuramente ancora più coinvolto nell'aiutare.

 

Siamo dopo l'incontro con l'Italia (0-0) in Nations League. La partita con questa squadra è stata importante per te? Volevi mostrare loro qualcosa?

Volevo apparire nella nazionale polacca. È stato importante perché gioco per la squadra. Ho alcuni amici in Italia, ma non ero molto emozionato per l'incontro.

 

Ora, si spera fino a gennaio?

Sto aspettando la prossima finestra di trasferimento. Spero che allora i club giungano a un accordo.

 


Perderai molto in tre mesi senza giocare?

Mi sento bene fisicamente, mi sono allenato molto individualmente, ci saranno anche partite della Nazionale. In tre mesi la mia forma non soffrirà molto.

 

Hai già un club dall'inverno?

Vedremo dove vado. A questo punto, non sono in parola con nessuno. Tutto ricomincerà daccapo.

Loading...
ULTIMISSIME TUTTI IN RETE
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>