Anno XXI n° 9
martedì 27 febbraio 2024, ore
VIDEO
VIDEO CONFERENCE - Napoli, Walter Mazzarri: "Siamo in emergenza, grazie ai tifosi per il sostegno, mercato? Vedremo, stop Natan? Un mese e mezzo, Osimhen e Politano? Giusto un momento, sento di proteggerli"
28.12.2023 11:54 di Napoli Magazine

CASTEL VOLTURNO (CE) - Walter Mazzarri, allenatore del Napoli, ha parlato in Press Conference alla vigilia della sfida col Monza. Ecco quanto evidenziato da "Napoli Magazine".

 

 

- Come sta la squadra?

 

"Intanto auguri di buone feste. Ringrazio il pubblico, so che lo stadio e' pieno e i nostri tifosi ci daranno una mano per 95 minuti. Faccio allenamento, ce ne sono pochi. I disponibili non sono tanti, ma dobbiamo fare una grande partita".

 

- Che tipo di mercato si aspetta? Una rivoluzione?

 

"No, una rivoluzione a gennaio non e' possibile farla per il materiale a disposizione. Del mercato ne parla la societa'. Voglio far ritrovare la giusta fiducia ai giocatori. La gara col Monza e' difficilissima. La Lazio e' andata in difficolta' contro di loro. Il Monza ha un bravo allenatore e non ha niente da perdere. Il match col Monza sara' importantissimo per tanti motivi".

 

- Quali sono le condizioni di Lobotka e Lindstrom? Cosa puo' dare Jesper al Napoli?

 

"Devo valutare le condizioni di Lobotka e Lindstrom. Se il ragazzo ha ancora da recuperare non ho potuto provarlo. Vedro' nelle prossime ore le condizioni di tutti e faro le scelte. Siamo in emergenza, mancano tanti, ho fatto la lista degli assenti".

 

- C'è qualcuno che spera di recuperare?

 

"Lobotka e' un titolarissimo. Lindstrom di sicuro no ha i 90 minuti. Devo capire come sta per poi capire se schierarlo a gara in corso o meno. Per fortuna ci sono i 5 cambi. Dovro' essere bravo a scegliere titolari e chi parte dalla panchina".

 

- In attacco restano le tre punte?

 

"Volendo c'e' anche Zerbin, se vogliamo restare a tre in attacco. Sarri e' stato tanti anni qui, vedro' cosa fare in base alle risorse disponibili cosa fare".

 

- A centrocampo cosa puo' cambiare?

 

"Ho grande fiducia in Cajuste, diventera' un giocatore importante. Anguissa e' da capire come sta. Vediamo pure come sta Lobotka. Quando c'e' Stanislav, Anguissa gioca sempre mezz'ala destra e Zielinski mezz'ala sinistra".

 

- Come sta Natan? Si aspetta volti nuovi a gennaio?

 

"Natan? Il dottore mi ha detto che ci vuole un mese e mezzo per recuperarlo. Del mercato tendo a non parlare. Ci sono le feste, poi arriva l'ultimo dell'anno. La tappa col Monza va superata al meglio. Non si puo' guardare a lungo termine. Pensiamo al Monza e poi ci aggiorniamo".

 

- Come giudica il lavoro svolto finora?

 

"Mi sento di Napoli e dico le cose come stanno. Quando sono arrivato sapevo che non sarebbe stato un inizio facile. Mi fa rabbia non aver raccattato almeno 2 punti. Li avremmo anche meritati per come si sono svolte le partite nei 95 minuti".

 

- Si aspettava un atteggiamento da leader di Osimhen contro la Roma?

 

"Alla fine sono i giocatori che ci fanno fare i campionati buoni o meno buoni. Vedo che questo ragazzo viene sempre martoriato da quando e' tornato. E' rientrato da un infortunio. Quando tornera' ci dara' molto. Va un po' protetto".

 

- Come si puo' tornare a vincere allo Stadio Maradona?

 

"Quando stiamo bene imponiamo il gioco a tutti. Mentre attacchiamo non dobbiamo prendere contropiede. In tante partite la squadra e' stata piu' corta, con meno errori difensivi. Tante volte si fa un errore e si prende gol subito. Molte volte non e' stato cosi'. Dobbiamo stare attenti alle coperture preventive".

 

- Simeone e Raspadori possono partire insieme dal primo minuto?

 

"Siamo pochi. In panchina dobbiamo avere anche un'alternativa. Uno dei due parte titolare".

 

- Si prendono troppe imbucate...

 

"Le imbucate sono minori rispetto al passato. Alcune cose se non le alleni le perdi. Voglio fare 10 minuti di schemi d'attacco. Al video non e' la stessa cosa".

 

- Quanto sente sua questa squadra? 

 

"Io vedo che i ragazzi iniziano a pensare come piace a me. Qualche reazione inopportuna ti fa capire che c'e' quel fuoco dentro. Politano da' l'anima per la squadra, ha avuto un momento di nervosismo, in quell'istante avevo detto a lui e Di Lorenzo che bisognava andare a vincere. Stavolta e' stata una cosa negativa, ma spero di rivedere presto la mia squadra che non molla mai fino al novantacinquesimo".

 

- Demme come sta?

 

"Ha avuto un problema al polpaccio, vediamo come sta".

 

Antonio Petrazzuolo

 

Napoli Magazine

 

Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com

ULTIMISSIME VIDEO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>