Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XIX n° 22
domenica 29 maggio 2022, ore
VIDEO
VIDEO DIRETTA NM - De Laurentiis e Bruscolotti alla presentazione del libro “I grandi calciatori” raccontati da Valter De Maggio, ADL: "Spalletti mio miglior allenatore, stiamo registrando una serie sul Napoli, la partita in ricordo di Diego? Data da definire"
10.12.2021 19:30 di Napoli Magazine

NAPOLI - Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis e l'ex storico capitano azzurro Bruscolotti alla presentazione del libro “I grandi calciatori” raccontati da Valter De Maggio, al FOQUS ai Quartieri Spagnoli. Ecco la video diretta di "Napoli Magazine" a cura di Adriano Pastore.

 

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha affermato: "Napoli-Leicester? Un match difficile contro una squadra inglese che gioca un calcio diverso. A centrocampo eravamo indeboliti, avevamo dei problemi di formazione, ma abbiamo fatto di necessità virtù con Zielinski arretrato a far filtrare i palloni per il nostro attacco, che non ha di certo sfigurato. Siamo sempre molto distratti nel rincorrere le nostre ansie, di successo, di realizzarci, che ci dimentichiamo dei bambini, il tesoro più importante che abbiamo accanto a noi. Leggendo il libro scritto da De Maggio si capisce che i piani di lettura sono diversificati. Un bambino che legge, legge semplicemente la storia del Napoli. Ma se qualcuno si intrattiene gli fa capire come Ascarelli nel 1926 aveva fuso in un'unica società diverse società calcistiche. All'inizio fu divertente cominciare con un cavallo che con grande senso di umiltà e ironia dopo il primo anno disastroso si trasformò in un ciuccio. Io l'ho detto molte volte ai miei: recuperiamo il cavallo che è il simbolo pure della Ferrari e della Porsche. Se vogliamo volare alto dobbiamo inserire un cavallo rampante sulla nuova maglia del Napoli, come simbolo, insieme alla famosa N cerchiata. Una serie tv sul Napoli? Abbiamo scritto e stiamo registrando 30 episodi, prodotti da una piattaforma internazionale, e riguarderanno la storia del Napoli, a partire da Giorgio Ascarelli nel 1926 fino ai tempi nostri. Vedranno la luce nel giro di un paio d'anni. Il tuffo di Spalletti? Pensa prima che sudata che s'era fatto... Una gara nel ricordo di Maradona? Il 20 abbiamo un incontro alla Farnesina con Di Maio, che sarà in contatto col ministro argentino, per mettere in calendario questa partitissima che dovrebbe essere il primo anno di una celebrazione maradoniana che si dovrebbe ripetere ogni anno. Il primo anno Napoli-Argentina, il secondo anno vedremo qualche squadra sudamericana. Stiamo provando ad organizzare. Ma il campionato finisce il 22 maggio, il 23 c'è riposo, il 24 che è il mio compleanno vorrei fare questa cosa. Ma poi abbiamo la finale di Champions League, la finale d'Europa League e determinate date che vanno a finire nel periodo immediatamente successivo. Bisogna vedere come conciliare tutte queste date. Rivoluzione nel mondo del calcio? Le variabili sono così tante che ci vorrebbe una tavola rotonda e forse non basterebbe. I giovani si annoiano perché il calcio evidentemente è diventato vecchio, va modificato. Questo quarto d'ora d'intervallo tra primo e secondo tempo non serve a nulla. Negli stadi va fatta prima una partita di 60' con le donne e poi una con gli uomini che possa essere interrotta e cambiare a iosa i giocatori. Questo innalzerebbe il livello dello spettacolo e tutti quanti giocherebbero. La bravura di Spalletti, rispetto ad altri allenatori che ho avuto, è che lui fin dall'inizio sperimentava e faceva girare la rosa facendo giocare tutti. Alla fine uno si rende conto che quello che avevi comprato e che credevi farlocco in realtà era gagliardo e non avevi investito male il denaro. Spalletti è il miglior allenatore che ho avuto nella mia carriera da presidente. Si può sognare lo Scudetto? La vita è un sogno. Se tu a un certo punto aprissi gli occhi davanti alla cruda realtà soccomberesti. Non bisogna mai e poi mai smettere di sognare. Respinto il ricorso di Spalletti? Non c'è da commentare perché sennò il commento dovrebbe partire dalla notte dei tempi. E' inutile che commentiamo ciò che è sotto gli occhi di tutti. Non solo per il Napoli, ma per tutto il calcio italiano. Questo è un problema che supereremo solo quando la Lega sarà indipendente e potrà gestire lei gli arbitri, come avviene in Inghilterra. Lo diciamo da anni, ma in certe compagini associative c'è la volontà di fare politica. E il voler fare politica distoglie l'attenzione dall'aspetto commerciale, industriale, di protezione democratica. Tutti hanno diritto ad avere un arbitraggio corretto e tutti hanno diritto al ricorso della moviola in campo. Oggi invece una volta la vedono, una volta no, una volta a spizzichi e bocconi. Non c'è una tutela che sia garantista di un gioco corretto e rispettabile, ognuno fa come gli pare e questo non va bene. L'Europa League? Anche qui ci sarebbe da dire molto. L'Europa così com'è concepita si è invecchiata, si è autoingessata. Porta via tante energie e non c'è compensazione paritetica dal punto di vista economico. Gli unici che si arricchiscono sono le istituzioni, leggi la UEFA. Non si capisce perché la UEFA non dovrebbe soltanto fare operazioni di segretariato generale. Noi abbiamo creato l'ECA, ma ora è diventata ostaggio dei qatarini. Il signor presidente della UEFA è nelle braccia del presidente del PSG, è in adorazione di questo Qatar così forte, così potente, così splendente. E così ne fanno le spese tutti quelli che credono nell'industria del calcio".

 

ULTIMISSIME VIDEO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>