Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XV n° 51
martedì 18 dicembre 2018, ore
ATTUALITÀ
PONTE GENOVA - Il big austriaco Strabag: "Pronti a partecipare alla ricostruzione"
11.10.2018 19:35 di Napoli Magazine

 

 

di Alessandro Arona

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma - Strabag è pronta a partecipare alla ricostruzione del ponte Morandi a Genova. Lo annuncia la presidente di Strabag Italia Marina Humitsch a «Edilizia e Territorio» (Il Sole 24 Ore). La filiale italiana è una realtà da 100 milioni di euro di ricavi ed è controllata dal colosso austriaco Strabag AG, gruppo da 14,6 miliardi di euro di giro d'affari e numero 6 nella classifica dei costruttori europei per fatturato. "Siamo interessati alla ricostruzione del ponte, aspettiamo dal commissario le regole per l'affidamento degli appalti. Siamo un'impresa di costruzione generale parte di un gruppo da quasi 15 miliardi di euro, abbiamo già realizzato in Italia diverse opere infrastrutturali, tra cui un maxi-lotto del Quadrilatero Marche Umbria, un lotto della Pedemontana Lombarda, un lotto della Sgc Siena-Grosseto, e all'interno di queste opere molti ponti e viadotti. Fra l'altro abbiamo spesso collaborato con Cimolai, una delle migliori imprese nel mercato della carpenteria metallica, e saremmo felici di lavorare con loro anche per il ponte di Genova».

«Una volta che il commissario (Marco Bucci, sindaco di Genova e commissario straordinario di governo, ndr) si sarà pienamente insediato - prosegue Humitsch - ci candideremo, faremo sapere il nostro interesse. Circa le procedure di affidamento, siamo anche noi in attesa di capire meglio come si muoverà il commissario, ma credo che un affidamento diretto sarebbe in contrasto con le norme europee, ci aspettiamo che ci sia almeno un invito alle imprese qualificate e interessate, e la possibilità di un confronto competitivo».

 

Ponte Genova: il big austriaco Strabag, «Pronti a partecipare alla ricostruzione» -2-

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma - Circa il nodo delle qualifiche per la ricostruzione, Marina Humitsch (presidente di Strabag Italia) osserva che «sì, certamente l'acciaio è il materiale giusto per la ricostruzione del ponte di Genova, sia per la velocità che può garantire sia dal punto di vista psicologico, per dare il segno di una svolta. Tuttavia credo che a guidare l'operazione, come capogruppo, debba senza dubbio essere un'impresa generale di costruzione. Noi abbiamo spesso lavorato con la Cimolai di Pordenone, davvero un'ottima impresa, seria e affidabile fra l'altro. Con loro da ultimo abbiamo demolito e ricostruito in 8 mesi i padiglioni 29 e 30 della Fiera di Bologna (un intervento da circa 46 milioni di euro, inaugurato il 13 settembre scorso). Ma sempre gli appalti hanno visto noi come capogruppo, e Cimolai in Ati oppure subappaltatore».

 

Ponte Genova: il big austriaco Strabag, «Pronti a partecipare alla ricostruzione» -3-

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma - «Non abbiamo ancora definito una vera alleanza con Cimolai per il ponte - precisa il consigliere delegato di Strabag Spa, Rocco La Capra - perché aspettiamo le regole per l'affidamento. Ma per quanto ci riguarda sarebbe il partner ideale». Strabag è uno dei principali gruppi di costruzione europeo, 14,6 miliardi di fatturato nel 2017, numero 6 della classifica (guidata dalla francese Vinci con 40,2 miliardi e poi la spagnola Acs con 34,9 mld), mentre la prima italiana è Salini Impregilo all'11° posto con 6,1 miliardi di cifra d'affari. Strabag è presente in Italia dagli anni Ottanta, quando acquisì la bolognese Adanti dal gruppo Maccaferri. Attualmente Strabag Italia ha circa 100 dipendenti stabili e altri 100 sono attivi sui cantieri.

 

Ponte Genova: il big austriaco Strabag, «Pronti a partecipare alla ricostruzione» -4-

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma - Nel 2017 Strabag in Italia «ha fatturato circa 100 milioni di euro» spiega Humitcsh, realizzato con opere come il lotto 5,6,7,8 da 255 milioni sulla Grosseto-Siena (nell'agosto 2017 l'inaugurazione del viadotto Farma, lungo 770 metri, con struttura orizzontale in acciaio poggiante su 10 pile in calcestruzzo alte fino a 100 metri), i padiglioni di Bologna, il maxilotto sul Quadrilatero. Attualmente i principali cantieri in corso («Il nostro portafoglio residuo vale circa 200 milioni»,. spiega la presidente), sono il lotto «sottoattraversamento Isarco» sul tunnel ferroviario del Brennero, insieme a Salini Impregilo (l'opera vale 301 milioni), il lotto sulla Siena-Grosseto e gli appalti per la costruzione dei punti vendita Aldi in Italia. «Rispetto alle dimensioni del nostro gruppo - osserva Humitsch, che fa anche parte del board di Strabag Ag a Vienna - si tratta in Italia di piccoli numeri, ma è nostra intenzione allargare la nostra presenza in Italia».

Loading...
ULTIMISSIME ATTUALITÀ
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in