Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 48
mercoledì 25 novembre 2020, ore
BASKET
DOCU-FILM - "The Last Dance", la storia di Michael Jordan e dei Chicago Bulls
19.05.2020 20:45 di Napoli Magazine

NAPOLI - "The Last Dance" è un docu-film di 10 episodi da vedere assolutamente su Netflix, ricco di adrenalina pura. Per chi, come me, e` cresciuto nel mito di Michael Jordan e dei suoi Chicago Bulls si tratta di oro puro: dai retroscena vissuti nello spogliatoio, alla durezza di MJ, sempre pronto ad ottenere il massimo dai compagni, sia in gara che in allenamento. Una rabbia, per certi versi famelica, una carica incredibile, trovata di volta in volta in piccoli dettagli: una frase, una provocazione, e via di record in record. Il rapporto con il padre e con la sua guardia del corpo Gus, senza dimenticare le ingiuste accuse per il gioco d'azzardo e le offese gratuite. Un fenomeno mondiale, che in primo piano ha messo sempre impegno e dedizione. E poi la chicca: dietro le quinte con il maestro Phil Jackson, il provvidenziale Scottie Pippen, quel super folle di Dennis Rodman, con una luce speciale per Paxson e Kerr, gregari decisivi, Harper, Longley, Kukoc, Wennington, Grant e Randy Brown. Insomma un mix di emozioni, senza dimenticare gli attriti con il gm Jerry Krause e la rivelazione del presidente Reinsdorf. Sei volte campioni, con l'amaro in bocca per la mancata occasione, non concessa, di provare a vincere il settimo titolo riconfermando ancora tutti. Un tributo che sarebbe stato piu` che giusto. Leggende cosi` non nascono tutti i giorni. Air, per sempre. Grazie ragazzi.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

#TheLastDance un docu-film di 10 episodi da vedere assolutamente su #Netflix, ricco di adrenalina pura. Per chi, come me, e` cresciuto nel mito di #MichaelJordan e dei suoi #ChicagoBulls si tratta di oro puro: dai retroscena vissuti nello spogliatoio, alla durezza di MJ, sempre pronto ad ottenere il massimo dai compagni, sia in gara che in allenamento. Una rabbia, per certi versi famelica, una carica incredibile, trovata di volta in volta in piccoli dettagli: una frase, una provocazione, e via di record in record. Il rapporto con il padre e con la sua guardia del corpo Gus, senza dimenticare le ingiuste accuse per il gioco d'azzardo e le offese gratuite. Un fenomeno mondiale, che in primo piano ha messo sempre impegno e dedizione. E poi la chicca: dietro le quinte con il maestro Phil Jackson, il provvidenziale Scottie Pippen, quel super folle di Dennis Rodman, con una luce speciale per Paxson e Kerr, gregari decisivi, Harper, Longley, Kukoc, Grant, Wennington e Randy Brown. Insomma un mix di emozioni, senza dimenticare gli attriti con il gm Jerry Krause e la rivelazione del presidente Reinsdorf. Sei volte campioni, con l'amaro in bocca per la mancata occasione, non concessa, di provare a vincere il settimo titolo riconfermando ancora tutti. Un tributo che sarebbe stato piu` che giusto. Leggende cosi` non nascono tutti i giorni. Air, per sempre. Grazie ragazzi

Un post condiviso da Antonio Petrazzuolo (@antoniopetrazzuolo) in data:

Loading...
ULTIMISSIME BASKET
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>