Anno XXI n° 8
mercoledì 21 febbraio 2024, ore
CALCIO
IL PARERE - Petrachi: "Juventus-Napoli sarà una gara spartiacque"
07.12.2023 14:28 di Napoli Magazine

Intervistato da Bianconeronews.it, l'ex ds di Torino e Roma, Gianluca Petrachi, ha parlato di Giuntoli e della gara di domani allo Stadium.

 

Domani c'è Juve-Napoli. Ai bianconeri questo match cosa può dire?
“Secondo me è uno spartiacque. Se la Juve dovesse fare bottino pieno sicuramente avrà la definitiva certezza di poter lottare per lo scudetto”.

 

Secondo te può veramente vincerlo?
“Il vantaggio dei bianconeri può essere quello di non partecipare alle coppe. L'Inter ha la rosa superiore, ma credo alla lunga possa pagare l'impegno infrasettimanale perché la competizione europea toglie tante energie e magari c'è il rischio che qualche gara non possa essere preparata nella giusta maniera. La Juve invece può lavorare solo ed esclusivamente per campionato e Coppa Italia. Lo scudetto l'ha vinto il Milan due anni fa e non era favorito rispetto all'Inter, quindi in questa stagione può farlo anche la squadra di Allegri”.

 

A proposito di Allegri, malgrado il secondo posto a -2 dalla vetta, una parte della tifoseria continua a criticarlo per il gioco...
“Allegri non lo scopriamo oggi sotto il profilo tecnico. Sappiamo che è un allenatore pragmatico, da questo punto di vista vecchio stampo, si porta a casa la vittoria con l'1 a 0. Il gioco non è bellissimo, ma la sua squadra è concreta. E' stato sempre un ottimo gestore, soprattutto di campioni. L'arrivo di Giuntoli credo abbia tranquillizzato l'allenatore che sta facendo solo il tecnico, senza pensare anche all'extracampo. Quando è tornato in società c'era confusione, adesso si sta tornando alla normalità”.

 

Giuntoli è un dirigente top?
“Cristiano ha dimostrato che grazie alla gavetta è arrivato alla Juve. Credo sia uno dei più bravi direttori sportivi in circolazione”.

 

A gennaio la Juve sarà costretta ad intervenire sul centrocampo. Ai nomi di De Paul, Fabian Ruiz e Samardzic, si sono aggiunti negli ultimi giorni Zielinski e Anguissa. 
“Anguissa perché è duttile, sa fare la doppia fase, è moderno, difende, ma è bravo anche ad inserirsi. E' il prototipo del centrocampista che si avvicina a Pogba. Potrebbe essere la scelta coerente rispetto a ciò di cui necessita la Juve”.

ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>