Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVI n° 21
venerdì 24 maggio 2019, ore
CULTURA & GOSSIP
PROGRAMMA - Mostre d'arte a Napoli
22.02.2019 20:49 di Napoli Magazine

MOSTRE

 

PAN | Palazzo delle Arti Napoli

 

Dal lunedi' al sabato dalle ore 9.30 alle ore 19.30

 

La domenica e i giorni festivi dalle ore 9.30 alle ore 14.00 - Martedi' chiuso

 

dal 1 novembre 2018 al 22 aprile 2019

 

Escher

 

La mostra presenta oltre alle opere del visionario genio, amatissimo dal pubblico, anche un’ampia sezione dedicata all’influenza che il suo lavoro e le sue creazioni esercitarono sulle generazioni successive, dai dischi ai fumetti, dalla pubblicita' al cinema: un percorso di 200 opere che parte da Escher per arrivare ai giorni nostri. La mostra e' promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, e' prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con la M. C. Escher Foundation e curata da Mark Veldhuysen e Federico Giudice Andrea. Biglietti: Intero € 13,00, ridotto € 11,00 (Audioguida inclusa); bambini € 6,00. Info e prenotazioni e acquisto biglietti: T. +39 081 1865991 – www.mostraescher.it. Per la visita a questa mostra sono previste aperture festive serali e pomeridiane (per dettagli si invita a consultare il sito web della mostra).

dal 15 febbraio al 10 marzo 2019

 

Il nostro 900

 

Promossa dalla Galleria Mediterranea (tra le piu' antiche gallerie italiane) e da La Fenice la mostra, curata da Saverio Ammendola, Paolo La Motta e Isabella Valente, si pone l’obiettivo di contribuire a rivitalizzare e valorizzare il dibattito critico che, a partire dalla seconda meta' degli anni 80, si e' sviluppato intorno alla pittura e scultura napoletana del XIX secolo. Particolare e meticolosa attenzione e' stata riservata dai curatori al rastrellamento delle opere, selezionando quelle che meglio potessero costituire testimonianza del respiro nazionale (quando non europeo) di cui l’arte napoletana e' stata (non sempre riconosciuta) portatrice. Tra gli autori proposti, che non certo esauriscono l’articolato e significativo panorama degli artisti napoletani del tempo, spiccano, tra gli altri, Crisconio, Viti, Villani, Bocchetti, Brancaccio, Notte, Ciardo, Cifariello,Giarrizzo, Chiancone, Striccoli, Capaldo, Fabbricatore, Perez, Guido Casciaro, Bresciani, Tamburrini, Girosi, Verdecchia, Cajati, Lippi, Vittorio, Tizzano, Uccella e Waschimps. Degli autori vengono proposte opere (oltre 50 dipinti e oltre 30 sculture), assai spesso non note al grande pubblico e, talora, anche ai collezionisti piu' appassionati. Tra le altre: Il bagno di Giovanni Brancaccio (Biennale di Venezia; Mostra Carnegie Institute, Pittsburgh),Libro bianco (Carnegie Institute, Pittsburgh), Il Beone (esposto anche inAnni difficili) nonche'Il ritratto del pittore De Simone), di Eugenio Viti. Un evento da non perdere, che consentira' a tutti noi una feconda passeggiata nella nostra storia culturale (prima che artistica) di cui i piu' conoscono ancora troppo poco o, peggio ancora, talora troppo male).

 

dal al 21 febbraio al 10 marzo 2019


Il Santuario Marino - Mostra di Thierry Fonseca

 

Con quest’insieme di sculture, voglio attirare l’attenzione sulla morte dei coralli. Lavoro sul tema evocando maggiormente il loro sbiancamento siccome quest’ultimo e' innanzitutto dovuto al riscaldamento climatico, processo che va solo peggiorando. La mia intenzione e' di trasmettere un messaggio: la fine dei coralli sara' inevitabile se non adottiamo un comportamento eco-responsabile e se non accettiamo di cambiare radicalmente le nostre abitudini che distruttive per l’ambiente. Ho chiamato l’insieme della mia istallazioneIl Santuario: un rifugio di protezione inviolabile. I coralli che ho modellato riprendono in modo realistico l’apparenza che avrebbero nel loro stato naturale, a seconda se sono morti, viventi, bianchi o colorati. I coralli realizzati in taglia diretta conservano il bianco della pietra. L’assemblaggio in un solo progetto di procedimenti diversi nel campo della scultura e di materiali differenti danno come risultato un’istallazione sulla vita e la morte dei coralli.Thierry FONSECANato in Bretagna nel 1959, ormatosi come intagliatore di pietra di monumenti storici, ha sempre amato scolpire. Ha partecipato da 2002 a diverse? esposizioni collettive. Nel 2003, ha ricevuto la medaglia d’oro del ventisettesimo Salon National des artistes animaliers di Bry-sur-Marne. Ha ottenuto il diploma Nazionale superiore d’espressione plastica (DNSEP) via VAE. La fauna e la fiora dei fondi marini lo hanno sempre appassionato e ispirano le sue creazioni. In paragone alla scultura su pietra, marmo o roccia, ama lavorare l’argilla. Un'altra delle sue passioni: la pittura in tecnica mista. Ingresso libero.

 

dal 2 al 24 febbraio 2019’

 

La pieta' della luce. Ettore Frani in mostra

 

Mostra personale dell’artista Ettore Frani che per la prima volta approda a Napoli con una raffinata selezione di opere, in prevalenza inedite, appartenenti all’ultimo ciclo pittorico. L’esposizione lascia emergere la ricchezza della ricerca artistica di Frani proponendo una sintesi approfondita dei temi nodali che da sempre accompagnano il suo linguaggio: la tensione spirituale dell’uomo, la sacralita' della natura, l’elemento della luce come momento ierofanico. Ed e' proprio la luce, cifra fondante presente in tutte le sue opere, che sembra ora avvolgere il mondo di un nuovo mistero e giungere a noi come un appello dell’oltre. Dai volti e dagli oggetti rappresentati traspare una luminosita' intima e primigenia che lo sguardo dell’artista riesce magistralmente a cogliere attraverso i suoi dipinti, restituendo cio' che da sempre e' davanti ai nostri occhi: la luce impermanente delle cose.

 

Museo Filangieri

 

Via Duomo, 288. ingresso libero

 

dal 1° febbraio al 28 aprile


Un secolo di furore - I caravaggisti del Filangieri

 

L’esposizione, dedicata anche alla riscoperta della Scuola napoletana del Seicento e del primo Settecento, e' composta perlopiu' da dipinti caravaggeschi e rappresentera' il primo focus di una serie di piccole esposizioni tematiche della nuova rassegnaVisti da Vicino, volute dal direttore Paolo Jorio, autore tra l’altro insieme a Rosella Vodret del libro Luoghi e Misteri di Caravaggio, per la riscoperta e per la rivalutazione di tutti i capolavori presenti nelle collezioni del magnifico Palazzo d’arte Filangieri a Napoli in via Duomo. In particolare saranno periodicamente riallestiti e messi in luce i dipinti del Filangieri Museo focalizzando le tematiche, i generi o le scuole di pittori che pur essendo noti agli studiosi e al grande pubblico, sono solitamente presenti nella bellissima Sala Agata ed esposti, per volonta' dello stesso Principe Filangieri, a incrostazione, ovvero sistemati in modo da ricoprire completamente le pareti. Un criterio affascinante, tipico delle pinacoteche antiche, ma che privilegiava la veduta dell'insieme piuttosto che il godimento delle singole opere. I dipinti, ma anche i tanti altri capolavori del Filangieri Museo, saranno quindi di volta in volta nuovamente analizzati e riproposti, evidenziandone gli aggiornamenti emersi dagli studi negli ultimi anni e, in alcuni casi, avanzando vere e proprie riletture critiche.

 

Sala delle Colonne nel Complesso Monumentale della SS Annunziata

 

Via Egiziaca a Forcella, 18. ingresso libero

 

Dal 22 febbraio al 16 marzo


BURKINABe' - Fotografie di Francesco Cocco

 

Osservatorio AiDS - Aids Diritti Salute - Aidos – Associazione italiana donne per lo sviluppo Onlus

 

in collaborazione con ASL Napoli 1 Centro-Tutela Salute Donna - con il Patrocinio di Comune di Napoli, Regione Campania, Consulta Regionale Femminile, Ordine Medici Chirughi e Odontoiatri Napoli, Universita' Federico II- Dipartimento di Scienze Sociali, GrIS Campania, Gruppo Regionale Immigrazione e Salute, Dedalus Cooperativa Sociale. Inaugurazione 22 febbraio 2019 ore 17.30. Ritratti in bianco e nero, volti di giovani donne, a volte dall'identita' sessuale incerta e vulnerabile come l'Africa in cui vivono: Adjara, Sarina, Linda, Celine, Juliette, Therese, Marietta, Alfonsine, Blessed, Charlene, Zanaba, Mariam, Ibauldo Celine, Kabare. Hanno fra i 16 e 19 anni, vivono nella provincia di Kadiogo, fuori Ouagadougou, in un centro di accoglienza per donne e ragazze che hanno subito violenza o fuggono da matrimoni combinati. E poi, ancora uomini nella sala di spetto di dispensari sanitari e madri con neonati urlanti, anziane onsiderate streghe e bimbi busati da professor bianchi occidentali, bambini che scavano in miniere d’oro abusive e altri che iocano a biliardino o sulla terra arsa, nonostante tutto. La Repubblica del Burkina Faso nelle immagini scattate a Francesco Cocco nel febbraio del 2017 piu' che la terra degli uomini integri ci appare come la terra delle donne sospese, fra poverta' e riscatto, paura e desiderio di cambiare, tradizioni come macigni e nuovi diritti tutti da conquistare. La mostra sara' aperta dal lunedi' al giovedi' dalle 9 alle 13, il venerdi' dalle 9 alle 18 e il sabato dalle 9.30 alle 18.00. Ulteriori visite su appuntamento a cura dell’Associazione Manallart. Info 333 88 77 512 (Eduardo) 333 38 51 932 (Anna).

 

CASTEL DELL’OVO

 

Dal lunedi' al sabato ore 9.00 - 19.30 (ultimo accesso ore 18,45)

 

Domenica e giorni festivi ore 9.00 - 14.00 (ultimo accesso ore 13,15) – ingresso libero

 

28 ottobre 2018 - 24 marzo 2019

 

I De Filippo - Il mestiere in scena

 

Anche se non e' possibile contenere in una mostra la storia di questa grande famiglia teatrale, l’esposizionei De Filippo, il mestiere in scena vuole essere una sorta di lanterna che il visitatore prendera' nelle mani per illuminare il variegato affascinante viaggio nel mondo defilippiano. Un viaggio magico intrapreso, partendo da Napoli fucina di idee e di esperienze, che diventa ben presto metafora di un universo che travalica il tempo, oltre lo spazio e svela una umanita' a volte disperata a volte attonita nella sua quotidiana lotta per la sopravvivenza fisica e morale. La mostra riempira' per cinque mesi le storiche sale del Castel dell’Ovo. Attraverso materiale inedito, lettere, foto, video, oggetti e centinaia di costumi, locandine, manifesti, copioni manoscritti e dattiloscritti, conservati in archivi privati, in istituti e soprattutto nel fondo degli eredi Eduardo De Filippo, partendo dal capostipite Scarpetta, incontreremo Eduardo anche nei film, nelle sue poesie, nelle sue canzoni... vivremo la sua forza, il suo rigore, la considerazione per il teatro e per il pubblico che lo portarono a non fermarsi nemmeno quando la vita fu terribilmente dura con lui. Ritroveremo Luca, la sua lezione di umilta' nel seguire gli insegnamenti di Eduardo per poi diventare attore a tutto tondo, proiettato in una dimensione europea nell’arte della recita, della pausa e della controscena, senza mai dimenticare la lezione della tradizione da cui parte e che esplora con la sua Compagnia, con incursioni nel teatro di suo padre messo in scena negli anni, fino alle regie di un altro grande punto di riferimento artistic?o: Francesco Rosi. Info e prenotazioni: Tel. 081/5628040 – www.etes.it. Orari: dal lunedi' al sabato 10:00 – 19:00 - Domenica e festivi 10:00 – 18.00. La biglietteria chiude un’ora prima. Biglietteria: intero € 10,00, ridotto € 8,00, ridotto gruppi € 7,00, ridotto scuole € 5,00.

 

MASCHIO ANGIOINO

 

dal 6 febbraio al 10 marzo 2019

 

Due Secoli dopo - Mostra fotografica di Federica Gioffredi

 

Un appassionato racconto fotografico dedicato all'avventuroso cammino intrapreso il 21 marzo 1832 da una nobildonna napoletana: tracce di uomini e di gesti, di storia e di territorio, racconti di luoghi, anfratti e riflessi, pezzi di citta', di mestieri, di architetture, di natura e di tradizione, chilometri di luce, di cieli, di chiaroscuri e di prospettive nei colori saturi di bianchi e nero corposi e incisivi. Ecco «Due Secoli dopo»: immagini di passione e ricerca che muovono dal viaggio interiore e passano per l’anima dell’autore e dei soggetti col linguaggio semplificato di fotografie ad elementi e sentimenti. Ingresso libero.

 

Gallerie d’Italia – PALAZZO ZEVALLOS STIGLIANO

 

Via Toledo 185

 

dal 6 dicembre 2018 al 7 aprile 2019

 

Rubens, Van Dyck, Ribera. La collezione di un principe

 

La mostra riporta eccezionalmente a Palazzo Zevallos Stigliano la prestigiosa collezione appartenuta, prima di essere dispersa, alla famiglia Vandeneynden e, successivamente, ai principi Colonna di Stigliano che abitarono nella sontuosa dimora di via Toledo dagli ultimi decenni del Seicento: capolavori provenienti da musei italiani e stranieri, grazie a prestiti eccezionali, ritornano a Napoli, per la prima volta nelle stanze dello stesso Palazzo dove a lungo in passato furono custoditi. Dopo lunghi studi che hanno permesso di approfondire e ricomporrela collezione del principe, questa inedita esposizione ha il sapore delritorno a casa di opere straordinarie, nel contesto in cui oltre tre secoli fa furono raccolte e ammirate. Stretti rapporti di parentela legavano la famiglia Vandeneynden a quelle di diversi artisti delle Fiandre. Tale fitta rete di relazioni, di cui furono partecipi anche Rubens e Van Dyck, favori' la formazione della raccolta che annoverava il meglio della produzione italiana e fiamminga del tempo. La collezione vantava opere tuttora celebri, come il Banchetto di Erode di Rubens (ora a Edimburgo), e ancora esemplari di Anthony van Dyck, Aniello Falcone, Luca Giordano, Mattia Preti, Jusepe de’ Ribera, Salvator Rosa, Massimo Stanzione, Guercino, Annibale Carracci, Jan Brueghel, Jan Miel, Andrea Vaccaro, numerose nature morte nonche' paesaggi e battaglie di altri maestri fiamminghi. Con la presenza come consultant curator di Gabriele Finaldi, direttore della National Gallery di Londra, la mostra e' curata da Antonio Ernesto Denunzio con la collaborazione di Giuseppe Porzio e Renato Ruotolo.

 

Aperta da martedi' a venerdi' ore 10:00-19:00 (ultimo ingresso 18:30). Sabato e domenica ore 10:00-20:00 (ultimo ingresso 19:30). Chiuso il lunedi'. Prolungamento orario fino alle 20:00: 8 dicembre – dal 26 dicembre al 5 gennaio (escluso il 24 dicembre dalle 10:00 alle 17:00 e il 31 dicembre dalle 10:00 alle 15:00). Aperture straordinarie: – 8, 17, 24, 26 e 31 dicembre - – 1 e 6 gennaio.

 

Biglietto congiunto mostra e collezioni permanenti: – intero: 5€ – ridotto: 3€. Ingresso gratuito per convenzionati, scuole, minori di 18 anni, clienti e dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo. Prenotazione obbligatoria per i gruppi e le scuole.

 

Informazioni: Numero verde: 800.454229 - Mail: info@palazzozevallos.com

 

Cripta del Complesso Monumentale Vincenziano

 

Via Vergini 51

 

dal 1 dicembre 2018 al 30 giugno 2019

 

Leonardo da Vinci, il genio del Rione Sanita'

 

Una mostra interattiva sulla vita, le macchine e le opere di Leonardo da Vinci, per il cinquecententenario dalla morte del genio del Rinascimento. L’esposizione e' a cura della Tappeto Volante, in collaborazione con l’AssociazioneGetta la rete, nel Complesso Monumentale Vincenziano, nello storico quartiere Vergini Sanita'. La Cripta del vanvitelliano complesso religioso, diventa un ipogeo offerto alla citta' e reso fruibile con l’inaugurazione della mostra. L'esposizione e' stata inserita tra le iniziative di maggior interesse nazionale, per il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, dal Comitato istituito dal Ministero dei Beni Culturali per celebrare l’anniversario. Macchine realizzate artigianalmente dal Maestro Mario Paolucci, su progetti originali di Leonardo, sia in scala che a grandezza naturale e realmente funzionanti, tanto da poter essere usate. Sono esposte riproduzioni dei capolavori e dei codici di Leonardo da Vinci.

 

Aperta dal mercoledi' alla domenica dalle 10 alle 17 e, nei giorni festivi e prefestivi, la visita guidata con gli attori in costume e' prevista ogni 45 minuti per massimo 40 persone a gruppo. Sara' inoltre possibile effettuare visite combinate con il doppio percorso, mostra Leonardo e visita al complesso dei Vincenziani.

 

Biglietti: intero - 8 euro per gli adulti - ridotto - 6 euro under 12, over 65, scolaresche e gruppi di almeno 25 persone. Info e prenotazioni: 0818631581 - 3391888611 (anche WhatsApp) - http://www.tappetovolante.org/. Si consiglia la prenotazione.

Loading...
ULTIMISSIME CULTURA & GOSSIP
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in