Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 26
giovedì 24 giugno 2021, ore
IN EVIDENZA
SUPERLEGA - Prove di dialogo tra la Uefa e le tre ribelli Juve, Barca e Real: ora si tratta per evitare lo scontro totale, la situazione
11.06.2021 11:42 di Napoli Magazine Fonte: Sport Mediaset

Dallo scontro totale all'accordo "pacificatore". Il tutto nell'arco di pochi giorni, se non ore, anche se è lecito supporre che le reciproche diplomazie abbiano iniziato il lavoro già diverso tempo fa: insomma, dietro gli strali reciproci lanciati dalla Uefa e dai tre ultimi club ribelli della Super League ci sarebbe il reale e concreto riconoscimento della necessità di un accordo che possa sanare il contrasto con soddisfazione da ambo le parti. E dopo la sospensione del procedimento disciplinare annunciata due giorni fa dalla Uefa stessa, Juve, Real Madrid e Barcellona pur rimanendo formalmente ferme nella difesa della Super League, hanno lanciato ulteriori segnali sulla disponibilità a una trattativa. Tutto questo, come riporta oggi la Gazzetta dello Sport, prima che i giudici dell’Unione europea si esprimano sulla questione. Se la Corte di Giustizia dell’Unione (con sede a Lussemburgo) dovesse respingere entro due settimane il ricorso del giudice di Madrid contro la Uefa, la partita della Superlega sarebbe persa. Se invece il ricorso fosse accolto, per la sentenza bisognerebbe aspettare almeno un anno cpmn tutte le caotiche e potenzialmente devastanti conseguenze sul sistema calcio europeo. Il piano della Uefa (e di Ceferin) resta sempre lo stesso: se i club in questione vogliono giocare la Superlega, possono decidere di farlo ma senza chiedere "ospitalità" alla Champions League, fuori dunque dall'ambito federale europeo, con la conseguente esclusione da tutto ciò che dalla Uefa stessa dipende. L'evolversi delle vicende giudiziarie chiarirà se Juve, Real Madrid e Barcellona si aggregheranno ora ai club pentiti oppure se la battaglia andrà avanti, ma già prima potrebbe essere delineata una strategia di riconciliazione, con il pagamento di multa da devolvere in beneficenza e a sostegno del sistema calcio più la decurtazione del 5% dei premi Uefa, lavorando però nel contempo a una nuova Champions che accontenti tutti ben prima della riforma annunciata per il 2024.

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>