Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XX n° 6
sabato 4 febbraio 2023, ore
IN VETRINA
FOCUS NM – Mondiali 2022, ecco il Pagellone della terza giornata: tante sorprese e qualche delusione, 9 al Giappone, 3 a Belgio e Danimarca
03.12.2022 21:45 di Napoli Magazine

NAPOLI - Si è conclusa la terza e ultima giornata dei gironi di qualificazione del Mondiale in Qatar, con tante eliminazioni inaspettate e tante sorprese che hanno superato il turno contro le aspettative iniziali. “Napoli Magazine” ha stilato il Pagellone, squadra per squadra, di questa terza giornata:

 

 

GIRONE A

 

QATAR 4.5 – La nazionale ospitante di questo Mondiale conclude il suo girone con 0 punti, un solo gol all’attivo e ben 7 gol subiti in 3 gare. C’erano tante aspettative in patria per questa competizione, ma non sono state mantenute.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Afif 6 – Il calciatore di maggiore qualità, anche se non lo ha dimostrato in questo Mondiale. In questa gara, però, è l’unico dei suoi a provarci e creare qualche azione pericolosa.

 

 

OLANDA 6.5 – Normale amministrazione per la squadra di Van Gaal che supera il girone da prima e batte il Qatar 2-0 con il minimo sforzo, mostrando l’enorme differenza di qualità rispetto agli avversari.

 

MIGLIOR GIOCATORE – De Jong 7 – Il centrocampista del Barcellona è un calciatore totale, con una tecnica superiore alla media. Trova la sua prima rete in questo Mondiale, dimostrando ottimi tempi di inserimento.

 

 

SENEGAL 7 – Nonostante l’assenza di Sadio Manè, il calciatore più forte e rappresentativo della nazionale africana, la squadra guidata da Kalidou Koulibaly riesce a superare un girone tutt’altro che scontato battendo 1-2 l’Ecuador nella sfida decisiva.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Koulibaly 7.5 – L’ex difensore del Napoli, attualmente al Chelsea, decide il match con il gol vittoria, ma comanda anche la difesa in maniera impeccabile, come gli abbiamo visto fare per tanti anni in Serie A.

 

 

ECUADOR 6 – Buona partita contro il Senegal, anche se non è bastata per evitare la sconfitta. Nel complesso, girone sufficiente per la squadra di Alfaro, a cui è mancato solo un passo per superare il turno.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Caicedo 6.5 – Il calciatore del Brighton, su cui c’è l’interesse di tanti top club inglesi, realizza la sua prima rete in questo Mondiale, nonché l’unica rete segnata dall’Ecuador oltre a quelle di Valencia, e gestisce bene il centrocampo.

 

 

GIRONE B

 

 

INGHILTERRA 7.5 – Dominio totale contro il Galles e la vittoria per 0-3 lo dimostra. Supera, come da pronostico, il girone da prima della classe e si candida per essere una delle possibili contendenti alla vittoria finale.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Rashford 8 – Partito dietro nelle gerarchie, sta conquistando pian piano il posto da titolare e la doppietta messa a segno contro il Galles gli darà sicuramente una mano. Sale a tre reti in tre gare, diventando uno dei capocannonieri di questo Mondiale.

 

 

STATI UNITI  7 – La nazionale di Berhalter supera il girone da imbattuta, battendo, nel match decisivo, l’Iran per 0-1, ma dimostrando una qualità nettamente superiore. Non sarà facile avere la meglio su questa squadra.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Pulisic 7 – Realizza la rete decisiva per il passaggio del turno, dimostrando, come aveva fatto anche nelle partite precedenti, di essere il calciatore più rappresentativo degli Stati Uniti. Costretto ad uscire al termine del primo tempo per una forte contusione.

 

 

IRAN 6 – Tutto sommato un buon girone quello dell’Iran, partita come la possibile squadra cuscinetto. Ha dimostrato, invece, di poter mettere in difficoltà gli avversari ed essendo eliminata solo per un gol.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Taremi 6 – Non una delle sue migliori partite, ma la sua qualità e la sua esperienza emergono ogni volta che tocca palla. Conclude il Mondiale da capocannoniere della sua nazionale.

 

 

GALLES 3 – La squadra allenata da Page ha dimostrato di non essere in grado di partecipare a questa competizione. Dopo il buon pareggio iniziale contro gli Stati Uniti, il Galles non ha trovato neanche una rete nelle seguenti due partite, creando pochissime palle gol.

 

MIGLIOR GIOCATORE – James 6 – L’esterno del Leeds è l’unico a calciare verso la porta di Pickford e si dimostra quello con maggiore qualità e vivacità.

 

 

GIRONE C

 

 

ARGENTINA 7 – Dopo la grande delusione nel match d’esordio contro l’Arabia Saudita, la squadra di Scaloni è tornata a far vedere perché era imbattuta da 36 gare. Il 2-0 contro la Polonia sta anche stretto all’Albiceleste, che torna prepotentemente a candidarsi come una delle favorite alla vittoria finale.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Alvarez 7 – Super gol, il suo primo in questo Mondiale, e la consapevolezza di potersi prendere il posto da titolare che era di Lautaro Martinez. L’attaccante del Manchester City ha qualità da vendere e sarà sicuramente il futuro dell’Argentina.

 

 

POLONIA 5 – Approccio totalmente rinunciatario contro l’Argentina, con tutta la squadra racchiusa nella propria metà campo. Passa il girone per il rotto della cuffia, non convincendo dal punto di vista del gioco.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Szczesny 7.5 – Nonostante le due reti subite, in cui non poteva far nulla, para il suo secondo rigore consecutivo in questo Mondiale con una super parata su Lionel Messi. Inoltre, salva la sua squadra più e più volte da un risultato molto più pesante.

 

 

MESSICO 6.5 – La squadra del Tata Martino, poi dimessosi, fa il suo, battendo l’Arabia Saudita con un’ottima prestazione. Non supera il girone, ma avrebbe meritato di passarlo, anche considerando la gara contro la Polonia in cui avrebbe meritato la vittoria.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Chavez 7.5 – Super gol per il centrocampista messicano, che si rende pericoloso più e più volte nel corso del match con il suo mancino molto insidioso.

 

 

ARABIA SAUDITA 6 – Nonostante la sconfitta, esce dal girone con grande onore. Data per spacciata da tutti ad inizio Mondiale, la squadra di Renard si è dimostrata tosta e difficile da affrontare.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Al Dawsari 6.5 – Seconda rete per lui in questo Mondiale, anche se poi si è rivelata inutile. Sicuramente il calciatore di maggiore qualità della sua nazionale.

 

 

GIRONE D

 

 

FRANCIA 5 – Poche motivazioni, primo posto in cassaforte, come abbiamo visto anche dalle scelte del c.t. Deschamps che ha schierato quasi tutte le riserve. Resta, però, la brutta figura con la sconfitta contro la Tunisia, che sarebbe potuta essere meno amara con il gol regolare di Griezmann annullato inspiegabilmente dall’arbitro.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Griezmann 6 – Partito dalla panchina, è colui che ha creato qualche grattacapo in più alla difesa della Tunisia, realizzando anche la rete del pareggio, poi annullata.

 

 

TUNISIA 7 – Nonostante l’eliminazione, il percorso della Tunisia è stato di tutto rispetto. Un pareggio con la Danimarca e una vittoria con la Francia accrescono il prestigio della squadra.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Khazri 7 – Lo storico capitano della Tunisia realizza la rete della vittoria e fin quando è stato in campo mostra tutta la sua qualità tecnica e la sua esperienza.

 

 

DANIMARCA 3 – Semifinalista all’ultimo Europeo, partita con delle aspettative molto alte e invece conclude il girone all’ultimo posto, con un solo gol realizzato e un solo punto conquistato. Contro l’Australia la prestazione è stata inguardabile, con nessun tiro verso la porta avversaria.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Braithwaite 6 – Non incide tanto, ma almeno con lui in campo la Danimarca riesce a costruire qualcosa e far girare meglio la palla.

 

 

AUSTRALIA 8.5 – Due vittorie in tre gare, secondo posto nel girone alla pari della Francia e qualificazione ai quarti di finale. Contro la Danimarca non subisce quasi nulla e vince il match.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Leckie 7.5 – Migliore in campo per distacco, realizza anche la rete della vittoria con un’ottima azione personale e un sinistro chirurgico all’angolino.

 

 

GIRONE E

 

 

GIAPPONE 9 – Una delle sorprese più incredibili di questo Mondiale. Supera da primo il girone battendo Spagna e Germania, e contro le Furie Rosse conquista una vittoria di cuore e grinta senza demoralizzarsi dopo essere andata sotto.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Doan 8 – Sia con la Germania che con la Spagna, entra dalla panchina e realizza la rete del momentaneo pareggio. Dà uno strappo decisivo alla partita e con lui in campo il Giappone è un’altra squadra.

 

 

SPAGNA 5 – Perde un match in cui era partita anche bene, sbloccando il match nel primo tempo. L’ampio turnover di Luis Enrique spiega un po’ questo risultato, ma l’atteggiamento avuto nel secondo tempo non è accettabile e per qualche minuto ha rischiato anche di uscire dal Mondiale.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Morata 6.5 – Tre partite, tre gol. L’attaccante dell’Atletico Madrid è in uno splendido momento di forma, ma il suo gol non è bastato.

 

 

GERMANIA 6 -  Batte la Costa Rica per 4-2, subendo due reti evitabili e non fornendo una grande prestazione nel complesso. Il voto poteva essere più alto per la gara in questione, ma non si può non considerare il fatto che sia stata eliminata in un girone in cui sarebbe potuta arrivare anche al primo posto secondo le aspettative.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Havertz 7.5 – Entra dalla panchina e realizza una doppietta che permette alla Germania di rimontare la Costa Rica, ma non basta.

 

 

COSTA RICA 6 – Arriva ultima nel girone, ma dignitosamente. Batte il Giappone dopo la brutta figura del 7-0 subito contro la Spagna, e mette in grossa difficoltà la Germania nonostante l’enorme differenza di qualità.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Tejeda 6.5 – Trova la rete del momentaneo pareggio e cambia il match, fino a quel momento dominato dalla Germania.

 

 

GIRONE F

 

 

BELGIO 3 – La più grande sorpresa in negativo di questo Mondiale. Un solo gol realizzato, e anche contro la Croazia non fa vedere un gran gioco. Lukaku si divora almeno due reti già fatte e condanna la sua squadra all’eliminazione.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Courtois 7 – Dopo il rigore parato nella prima partita e la brutta prestazione contro il Marocco, il portiere del Real Madrid si rifà con due parate di livello assoluto, tenendo la qualificazione del Belgio ancora in bilico.

 

 

CROAZIA 6.5 – Due pareggi in tre match, realizzando 4 gol solo contro il Canada. Rispetto al Belgio, però, mostra di essere più squadra e con delle idee di gioco più definite.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Modric 7.5 – Non è più un ragazzino, ma sembra non risentirne. Uomo ovunque della Croazia, recupera moltissimi palloni e ha una qualità fuori dal comune nel giocare la palla e far girare la squadra.

 

 

MAROCCO 8 – Supera, meritatamente, da primo un girone in cui era dato per spacciato da tutti. Contro il Canada parte bene, trovando subito due reti, poi gli avversari vengono fuori e trovano, con uno sfortunato autogol, la rete che accorcia le distanza. Il Marocco, però, è una delle nazionali che gioca meglio in questo Mondiale.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Ziyech 7 – Pallonetto morbido sull’errore di Borjan, poi si dimostra il solito leader tecnico della sua nazionale. Molto della qualificazione è passata soprattutto dai suoi piedi.

 

 

CANADA 6 – Nonostante gli 0 punti in classifica, si è dimostrato un osso duro per tutti. Con il Belgio non meritava di perdere e anche contro il Marocco avrebbe meritato quantomeno il pareggio.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Davies 6.5 – Ennesima buona partita del terzino del Bayern Monaco, l’uomo di maggiore qualità del Canada.

 

 

GIRONE G

 

 

BRASILE 5.5 – Già forte del primo posto nel girone, Tite si presenta con undici riserve contro il Camerun, ma nonostante ciò offre una grande prestazione. L’imprecisione dei suoi attaccanti, però, e le parate di Epassy, contribuiscono alla sconfitta per 1-0.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Rodrygo 6.5 – Riserva di lusso per Tite. Prende il posto di Neymar, infortunato, e lo fa alla grande. Sfiora il gol più di una volta.

 

 

CAMERUN 7 – Nonostante l’eliminazione e l’ultimo posto nel girone, il Camerun riesce a pareggiare con la Serbia e a battere il Brasile con una vittoria di valore assoluto.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Aboubakar 7 – Avrebbe meritato mezzo voto in più, perché decide il match dopo averlo fatto anche contro la Serbia, ma da ammonito decide di togliersi la maglietta durante l’esultanza e viene espulso.

 

 

SERBIA 5 – Grande delusione la nazionale serba. Poteva essere l’outsider di questo Mondiale, ma dimostra di avere grande qualità dal centrocampo in su, ma grandi difficoltà difensive, che gli costano l’eliminazione.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Tadic 7 – Due assist per l’attaccante dell’Ajax. Le sue giocate non sono mai banali e spesso risultano decisive.

 

 

SVIZZERA 8 – Due vittorie e una sconfitta di misura contro il Brasile. La nazionale svizzera dimostra che l’Italia è stata eliminata da una nazionale di tutto rispetto, capace di mettere in difficoltà chiunque.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Shaqiri 7.5 – Sigla la rete che sblocca il match e finchè è in campo fa vedere tutta la sua esperienza e la sua qualità.

 

 

GIRONE H

 

 

PORTOGALLO 5 – Ampio turnover del c.t. Fernando Santos e la scelta non paga. Forte della qualificazione, fa esperimenti che non danno il risultato sperato, nonostante il gol di Ricardo Horta che sblocca il match. Regala l’iniziativa alla Corea e perde la partita.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Dalot 6.5 – Assist vincente per Ricardo Horta e grande prestazione del terzino del Manchester United che sta vivendo un momento di forma strepitoso.

 

 

COREA DEL SUD 8.5 – Rimonta il Portogallo e si qualifica battendo ogni pregiudizio. Squadra molto compatta, anche senza Kim Min-Jae, e dimostra di avere una buona qualità in avanti.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Hwang Hee-Chan 7.5 – Entra dalla panchina e decide il match con il gol al novantaduesimo minuto che porta la sua nazionale agli ottavi di finale.

 

 

URUGUAY 6.5 – Ottima prestazione contro il Ghana, in cui poteva esserci anche un calcio di rigore che avrebbe permesso alla squadra di Alonso di qualificarsi. Non basta, però, complice la contemporanea vittoria della Corea del Sud, che passa per maggior gol segnati.

 

MIGLIOR GIOCATORE – De Arrascaeta 8.5 – Parte titolare e decide il match con una doppietta decisiva. Il numero 10 dell’Uruguay dimostra ancora una volta di avere una grande qualità.

 

 

GHANA 5 – Le buone prestazioni contro Portogallo, nonostante la sconfitta, e Corea del Sud vengono cancellate da una partita giocata malissimo contro l’Uruguay. Il rigore sbagliato da Andrè Ayew avrebbe potuto cambiare il match, ma non può essere una scusante.

 

MIGLIOR GIOCATORE – Ati-Zigi 7 – Grande prestazione del portiere ghanese, autore di tante parate difficili e decisive, anche se non sono bastate.

 

Fabio Prezioso

 

 

Napoli Magazine

 

 

Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com

ULTIMISSIME IN VETRINA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>