Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVII n° 22
domenica 31 maggio 2020, ore
IL SONDAGGIO
SONDAGGIO NM - Coronavirus, come state trascorrendo le ore a casa?
Leggendo le News dei giornali online
Libri
Social Networks
Serie Tv, Netflix, Tv
Videogames
RISULTATI
VOTA
L'ANGOLO
NM LIVE - Francesca Benvenuti: “Il calcio non deve farsi prendere dalla fretta, giugno è l’ipotesi più verosimile per ricominciare”
09.04.2020 17:31 di Napoli Magazine

NAPOLI - FRANCESCA BENVENUTI, giornalista Sport Mediaset, è intervenuta a “NAPOLI MAGAZINE LIVE”, trasmissione che approfondisce i temi d’attualità legati al Calcio Napoli, condotta da Antonio Petrazzuolo, in onda il giovedì dalle 21 alle 22 su Napolimagazine.com e su tutti i canali social di “Napoli Magazine” (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube). Ecco quanto dichiarato: “Coraggio, resilienza e pazienza non devono mancare in questo momento delicatissimo, nel quale si comincia a vedere un po’ di luce, quindi non sprechiamo i tanti sacrifici che abbiamo fatto, lasciandoci tentare da un’uscita senza motivo, rimaniamo ancora a casa e ce la faremo. Il calcio non deve farsi prendere dalle previsioni e dalla fretta, non oso nemmeno immaginare cosa potrebbe succedere se per ripartire un giorno prima, dovessimo poi pagarla con una recrudescenza del contagio. Farlo anticipatamente, senza garanzie, significherebbe buttare a mare tanto lavoro che si è fatto. Personalmente sono del parere che bisogna attendere che la soglia di sicurezza sia la più alta possibile per parlare solo di ripresa degli allenamenti e aspettare poi le decisioni della politica e della comunità scientifica per conciliare anche la ripresa delle competizioni, per questo credo che sia ancora troppo presto per parlarne, alla fine, credo che giugno possa essere l’ipotesi più verosimile per ricominciare a giocare. Penso che dopo una parentesi così surreale siamo tutti disposti a fare qualche sacrificio in più, pur di portare a termine la stagione, non dimentichiamo che ci sono sport che hanno già chiuso e se il calcio sta aspettando la chance di riprendere, bisogna anche essere disposti a fare qualche sacrificio. Se tutti remano verso la chiusura regolare del campionato e se questa dovrà essere fatta a ritmi forzati, è giusto che vada così. Questa calendarizzazione forse è più semplice a livello internazionale e non è un caso che l’UEFA stia lavorando su più ipotesi, proprio per farsi trovare pronti a tutte le soluzioni. È chiaro che in Italia, dove stiamo pagando un tributo enorme e drammatico all’epidemia, bisognerà prendere tutte le precauzioni possibili ed immaginabili, anche a seconda delle zone, se siano state più o meno colpite dal contagio, per questo credo sia giusto parlare di tempi dilatati perché ci sarà comunque una situazione di disomogeneità tra le varie regioni. Per il taglio degli stipendi credo si stia andando verso la trattativa privata tra i calciatori e i rispettivi, singoli club, anche considerando la risposta dell’AIC alla proposta della Lega, non dimentichiamo che non tutti guadagnano come Cristiano Ronaldo e quindi, la soluzione più giusta potrebbe essere la trattativa individuale”.

 

Loading...
ULTIMISSIME L'ANGOLO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>