Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 26
giovedì 24 giugno 2021, ore
CALCIO
EUROPEI - Poca costruzione bassa, grande fisicità e la classe di Calha: ecco la Turchia di Gunes
11.06.2021 12:10 di Napoli Magazine Fonte: Sport Mediaset

Fermata due volte la Francia nelle qualificazioni all'europeo (vittoria in casa e pareggio fuori) e arrivata a un solo punto di distanza dai campioni el mondo nel girone di qualificazione, la Turchia di Senol Gunes è tutt'altro che un avversaria comoda da affrontare nel debutto a Euro 2020. Il ct è l'artefice dello straordinario terzo posto mondiale del 2002 ed è uno dei maestri del calcio di quelle parti come il santone Fatih Terim.

 

Il sistema di gioco si può riassumere in un 4-1-4-1 con gli esterni bassi che in fase offensiva vanno a occupare l'ampiezza anche in posizioni alte del campo, facendo spostare verso la trequarti centrale i laterali offensivi Karaman e Calhanoglu, che diventano così i punti di riferimento per le giocate offensive. Yokuslu (del Celta Vigo e in prestito al West Bromwich) è il perno centrale davanti ai quattro difensori mentre il resto della metà campo è occupato da Tufan, del Fenerbahçe, e Yazici, protagonista di un'ottima stagione al Lille campione di Francia, così come il compagno, perno unico dell'attacco, Burak Yilmaz.

 

In fase offensiva la Turchia è più portata alla costruzione diretta, al lancio sugli esterni o sul centravanti che è molto abile a difendere la palla e a favorire gli scambi con i centrocampisti più tecnici, soprattutto Calhanoglu, che, come detto, si accentra per provare il tiro, l'uno-due o il suggerimento in profondità per lo stesso Burak Yilmaz. In fase difensiva spesso difendono a cinque con Yokuslu che si inserisce tra i due centrali. A palla persa non c'è una ricerca spasmodica del pressing ma un'attenta copertura degli spazi focalizzata sulle traiettorie di passaggio. Una squadra non particolarmente "scientifica" nell'approccio strategico, insomma, ma che può diventare pericolosa grazie ad alcune individualità che vengono azionate il più possibile: Calhanoglu, Yazici e Yilmaz. 

ULTIMISSIME CALCIO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>