Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 16
sabato 17 aprile 2021, ore
IN EVIDENZA
ON AIR - Signorini: "Maradona da mito è diventato una leggenda", Diego jr: "Finché avrò vita lotterò affinché abbia giustizia"
08.03.2021 15:31 di Napoli Magazine

“Maradona da mito è diventato una leggenda. Si può tranquillamente dire che nel mondo è più conosciuto del Papa. Si parlerà di lui anche tra 500 anni”. Sono le parole utilizzate da Fernando Signorini, storico preparatore atletico di Diego Maradona ai microfoni di Radio Crc, dove è intervenuto ospite ad ‘Arena Maradona’, la trasmissione condotta da Diego Maradona junior per un abbraccio virtuale molto significativo. “Non sono affatto stupito del fatto che Diego sia amato così tanto anche adesso e soprattutto da persone che non l’hanno mai visto giocare, Non potrebbe essere altrimenti. Diego è stato un simbolo politico e sociale. Ha fatto vincere il Sud contro la potenza del Nord. Era un rivoluzionario. Diego giocava per la gente. Il suo unico scopo era regalare gioia a tutti i popoli del mondo. Visto che nel nostro pianeta non esiste solo il Cattolicesimo, si può tranquillamente dire che, nel modo, Diego è più conosciuto del Papa”. Tutto questo, però, ha avuto un prezzo. “Ho sempre detto che con Diego sarei andato anche in capo al mondo, ma che con Maradona non sarei andato nemmeno dal tabaccaio a comprare le sigarette. Questa frase la pronunciai il giorno dopo una cena organizzata alle porte di Napoli. Non mi ricordo bene se fosse a Torre del Greco o a Torre Annunziata. Nemmeno il tempo di arrivare, che la gente prese subito d’assalto Diego. C’era chi voleva abbracciarlo, chi gli tirava i capelli. Giustamente Diego si arrabbiò e noi non avemmo più la voglia di assaggiare nemmeno un po’ di pasta. Per non parlare, poi, della strumentalizzazione della vittoria del Mondiale del 1986. Quando Diego tornò con la coppa dal Messico, gli stessi che gli giravano la faccia quando era soltanto un ragazzo di Villa Fiorito, lo vollero affacciato al balcone nella sede del Governo”. “Essere Maradona era impossibile, il vero Diego era sempre a casa. Infatti si può dire che conosco Napoli meglio di lui. Oltre a via Scipione Capece e via Manzoni, Maradona non vide altro”. Commovente il saluto di Diego jr al vecchio amico del padre. “Signorini è stato tra i pochi che hanno rispettato mio padre. Gli prometto che finché avrò vita, lotterò affinché abbia giustizia”.

ULTIMISSIME IN EVIDENZA
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>