Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XVIII n° 50
lunedì 6 dicembre 2021, ore
NM LIVE
NM LIVE - Inacio Pià a "NM": "Insigne è il capitano del Napoli, va trovato un punto di incontro, prenderei Berge, Koulibaly è una certezza, Spalletti? Ottimo, bravo Elmas"
26.08.2021 15:00 di Napoli Magazine

NAPOLI - Inacio Pià, ex attaccante del Napoli, ha rilasciato un'intervista a "Napoli Magazine": "La vittoria del Napoli contro il Venezia è stata sicuramente molto importante, considerando che il Napoli dopo 23 minuti ha govuto giocare con un uomo in meno per l'espulsione di Osimhen. Alla lunga è venuta fuori la maggiore qualità degli azzurri contro un buon Venezia, che è pur sempre una neo promossa. Sono stati tre punti importanti, che danno fiducia al gruppo. Iniziare bene il campionato aiuta a lavorare con maggiore serenità. Insigne ha dimostrato grande personalità. Dopo aver sbagliato il primo calcio di rigore, non ha avuto paura di presentarsi ancora dagli undici metri pochi minuti dopo l'errore commesso. Insigne è il capitano del Napoli, credo che la società debba trovare un punto di incontro. E' napoletano, ci tiene tantissimo alla maglia, penso che potrà dare tanto al Napoli in questa stagione. Spalletti ha già dato un'impronta alla squadra, non ha rivoluzionato il modo di giocare del Napoli, rispetto agli allenatori precedenti però ha fatto capire ai giocatori cosa vuole. Si vede l'intensità, la gestione della palla, sicuramente è un allenatore che può fare bene. Le condizioni per farlo ci sono. Bisognerà capire anche come reagirà il Napoli nei momenti critici, con la presenza del pubblico. Elmas sta facendo bene, ha disputato un doppio ritiro estivo importante. Anche Spalletti ha fatto capire che punta tanto sul ragazzo. Grazie alla fiducia ricevuta, Elmas si sta ritagliando uno spazio notevole, magari non sarà un titolarissimo ma credo che possa essere un'alternativa valida a disposizione. Koulibaly l'ho visto molto bene, si vedono i frutti del lavoro svolto in ritiro: già contro il Venezia mi è piaciuto molto, è tornato ai suoi livelli, è di nuovo il grande difensore che eravamo abituati a vedere fino a 2 anni fa. Ha carisma, personalità, chiama a raccolta e guida i compagni. Koulibaly è uno dei difensori più importanti della nostra serie A. Non so se è un Napoli da vertice. In questo momento vedo 2-3 squadre che, non dico che sono più attrezzate ma, partono leggermente più favorite. Il Napoli può fare la sua bella figura, se non ripetono gli errori commessi nella scorsa stagione, quando sono stati lasciati per strada punti facili, può fare il suo campionato. Per dire se potrà lottare per il vertice bisognerà attendere ancora qualche partita, pure per capire il rendimento delle altre in contemporanea. Osimhen è stato punito per il gesto, dato che il contatto c'è stato. Una giornata di stop, probabilmente, sarebbe stata più giusta, ma per non iniziare a fare polemiche da subito bisogna accettare il verdetto e provare a far bene con gli altri giocatori. L'Inter ha iniziato il campionato con il piede giusto, ripartendo nello stesso modo con cui aveva concluso lo scorso campionato. La Roma ha vinto una partita molto delicata, perchè la Fiorentina è sempre una squadra tosta da affrontare, i giallorossi hanno offerto pure un bel calcio, il che non guasta mai. La Juve non è andata oltre il pari, ma è una squadra viva, hanno individualità importanti. La Lazio pure ha reagito bene ad Empoli. Sarà un campionato più impegnativo rispetto all'anno scorso, prevedo un campionato aperto. Siamo appena all'inizio. Penso che per il primo posto sarà una lotta a due tra Inter e Juve, con le altre che cercheranno di restare agganciate. Ora il Napoli va a Genova: immagino Insigne o Lozano falso nueve, con Politano a destra. Può essere una scelta azzeccata, perchè sono tutti imprevedibili. Sono giocatori di movimento, che hanno fatto già bene nella scorsa stagione. Amrabat e Berge sono due giocatori validi. Amrabat conosce il calcio italiano, farebbe meno fatica ad adattarsi nel Napoli. Berge è un giocatore ben strutturato, è alto 1.95 metri, nei duelli fisici vince sempre, è dotato di una buona tecnica e di testa si fa valere. Già in passato il Napoli aveva seguito Berge, che è un giocatore più giovane e di prospettiva, mentre Amrabat è già pronto. Tra i due, prenderei Berge. Lo vedrei bene nel centrocampo del Napoli".
 
 
 
Antonio Petrazzuolo
 
 
 
Napoli Magazine
 
 
 
Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com 

ULTIMISSIME NM LIVE
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>