Uniti dalla stessa passione...
...Online dal 24 dicembre 1998
www.napolimagazine.com
ideato da Antonio Petrazzuolo
Anno XV n° 47
lunedì 19 novembre 2018, ore
M' 'O VVECO IO
SHOW TIME - Gino Rivieccio su "NM": "La Stella Rossa in lingua madre, il 97% dei napoletani ancora adesso non ha capito il Napoli contro chi ha giocato, il restante 3% guardava Maria De Filippi, ora occhio a quei 2"
21.09.2018 10:44 di Napoli Magazine

NAPOLI - Da qualche mese, parte dell’Italia passa le notti con gli occhi al cielo per vedere le stelle cadenti. Almeno cinque.  I napoletani, invece, si accontentano di poco. L’altra sera sarebbero stati felici se ne fosse caduta anche solo una. Possibilmente rossa. 

 

La Stella Rossa, sulla carta, è la squadra materasso del girone Champions, e lo ha ampiamento dimostrato in campo. Del resto, la lettura delle formazioni, era abbastanza tranquillizzante. Nessun nome altisonante nell’undici iniziale. Undici onesti dopolavoristi, che lasciavano presagire poche sorprese in serbo: Sfrantummatic, Nunmefiric, Walleric, Sticazzic, Samentic, Struppiatic, Strabic, Nguacchiatic, Nchirchiatic, Crisantemic e Pancev.  

 

Le difficoltà maggiori le incontrava il telecronista Sky che si intestardiva a cercare di pronunciare il nome della squadra serba in lingua madre, con il risultato di pronunciarlo in trentasei modi diversi, mai in quello giusto. 

 

Il 97% dei napoletani, ancora adesso, non ha capito il Napoli contro chi ha giocato. Il restante 3% guardava Maria De Filippi.

 

Crvena Zvezda sembra più la marca di una doppio malto, e – di fatti – il livello tecnico medio della squadra era quello di un collaudatore di birre. Il centravanti sembra un incrocio tra Aristoteles e Nonna Abelarda, con quello scopettino in testa che magari sarebbe stato più indicato per un difensore, addetto a spazzare l’area.

 

Ancelotti, però, è un grande giocatore di poker che, a volte, piglia ‘a ‘nziria e se anche ha scala servita in mano, cambia quattro carte per fare poker. Nella sua carriera, gli è riuscito spesso, cambiando radicalmente ruoli a calciatori anche già affermati. A Napoli ha trovato schemi d’attacco collaudatissimi, ma ha ritenuto di dover cambiare. In particolare, la posizione di Insigne e quella di Hamsik. In alcune partite gli è andata benissimo, e ha incartato pure qualche inaspettato tris. A Genova e a Belgrado, invece, l’Ounas è rimasto nella manica. 

 

Ma ci sarà un motivo se Ancelotti era seduto sulle panchine di tre diverse squadre che hanno vinto la Champions e noi sul divano, dietro al televisore. 

 

E magari già da Torino troverà gli equilibri giusti. Perché solo quello manca a questa squadra, che è quella dei 91 punti, e con sei titolari in più (compresi Milik e Ghoulam che l’anno scorso non avevamo.

 

A Torino bisognerà stare attenti, sono forti in difesa e a centrocampo. Bisogna fare attenzione a due calciatori in particolare del Toro, Meïté e N’Koulou, che presi singolarmente sono inoffensivi, ma insieme fanno paura. 

 

 

Gino Rivieccio

 

Napoli Magazine
 

Riproduzione del testo consentita previa citazione della fonte: www.napolimagazine.com

Loading...
ULTIMISSIME M' 'O VVECO IO
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in